17 Giugno 2016
17:41

Vendita diretta: il regno delle donne

Il settore della vendita diretta è un vero paradiso per l’occupazione femminile. La schiacciante maggioranza degli addetti e persino dei dirigenti sono donne. Merito, forse, della maggiore empatia e propensione all’ascolto.

Si parla quotidianamente del triste problema della disparità sul lavoro tra uomini e donne. Troppo spesso ci sono forti squilibri occupazionali o addirittura differenze sensibili di stipendio a parità di posizione. C'è un settore, però, dove non solo queste differenze si annullano, ma la donna si ritrova a essere regina assoluta: la vendita diretta.

A primo impatto potrebbe sembrare una specie di prigione di cristallo per l'ennesima volta sessista. La rappresentante di cosmetici, vestita di rosa e dal tono da oca giuliva, sembra uno stereotipo odioso al pari della casalinga senza un capello fuori posto. Eppure i dati ci costringono a rivedere quest'idea, perché l'occupazione femminile in questo settore raggiunge il 90%, anche in ruoli dirigenziali, che sono quelli in cui si registrano le maggiori disparità,  e tante sono le lavoratrici entusiaste della loro occupazione.

Il settore, a dispetto della crisi, ha chiuso lo scorso anno con un aumento delle vendite del 17% e degli occupati dell'11%. A dirlo è Giovanni Paolino, presidente di Avedisco, associazione in cui confluiscono molte di queste imprese. Il motivo sarebbe da ricercare proprio nel fatto che gli acquisti sono diventati più mirati e ragionati, e quindi un rapporto fiduciario con una marca e un compratore con cui si ha un vero e proprio legame tenderebbero a dare maggiore sicurezza.

Le donne mostrano grande soddisfazione soprattutto perché senza orari fissi riescono ad organizzare in serenità i diversi impegni. Inoltre il gentilsesso sembra particolarmente portato per questo tipo di attività, in cui non bastano solo una buona parlantina e una grande conoscenza del prodotto da vendere, ma è anche necessaria una profonda empatia, qualità tradizionalmente legata alla femminilità. Per fare la differenza rispetto agli altri canali di acquisto, è importante che il venditore riesca a creare un legame con i suoi clienti, e ad avere la pazienza di ascoltarne i problemi e le esigenze e di aiutarlo a risolverli. A quanto pare, le donne in questo riescono molto bene.

Nel Regno Unito arriva il "congedo mestruale": le donne con il ciclo non lavoreranno
Nel Regno Unito arriva il "congedo mestruale": le donne con il ciclo non lavoreranno
Da Salma Hayek a Elisabetta II, 150 donne tra i più ricchi del Regno Unito ma il gender gap esiste
Da Salma Hayek a Elisabetta II, 150 donne tra i più ricchi del Regno Unito ma il gender gap esiste
Le donne sono più determinate degli uomini su Facebook
Le donne sono più determinate degli uomini su Facebook
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni