I progressi medici che si stanno facendo nel campo dell’inseminazione artificiale negli ultimi anni sono davvero incredibili. A dimostrarlo è la storia di questo bambino, nato sano dopo essere stato concepito con lo sperma di suo padre morto. L’uomo infatti era deceduto in un incidente di moto, ma la sua compagna desiderava lo stesso avere un bambino da lui. I medici, dopo 48 ore dalla morte del suo fidanzato, hanno prelevato lo sperma dal cadavere ed hanno proceduto con l’inseminazione artificiale.

Si tratta del primo caso al mondo di fecondazione post mortem ed è avvenuto in Australia. Steve Robson, professore associato presso la facoltà di medicina dell'Università Nazionale Australiana, si è occupato del caso e la settimana prossima fornirà i dettagli della procedura. Ha dichiarato: “E’ il caso più straordinario che mi sia mai capitato. E’ stato incredibile aiutare una donna che ha avuto tanto amore e coraggio”. Oggi, il bambino è nato, è perfettamente sano e viene definito un vero e proprio miracolo dalla sua mamma.

La donna ha dovuto affrontare non pochi ostacoli per realizzare il suo sogno, ha dovuto lottare per vie legali per avere il via libera dalla Corte Suprema poiché in Adelaide, lo stato in cui vive, prelevare lo sperma da un uomo morto è assolutamente illegale. Tuttavia, la neo mamma è riuscita a dimostrare che lei e suo marito avevano intenzione di avere un bambino ed è così che la sua storia ha potuto avere un lieto fine. La donna ha voluto raccontare l’esperienza per dare speranza a tutte quelle che perdono una persona cara e che non credono di poter realizzare i loro sogni di maternità.