Venus Palermo è una ragazza di 21 anni, è cresciuta a Londra ma ora vive in Giappone, e fino a qualche tempo fa credeva di essere obesa. Pesava poco meno di 60 chili ma si sentiva grassa e fuori forma ed è proprio per avere l'aspetto che desiderava che si è sottoposta a un intervento chirurgico estremo. Sono stati molti i medici che si sono rifiutati di praticare l'intervento, visto che non aveva grasso da eliminare, ma alla fine ci è riuscita e si è fatta rimuovere una parte dell'intestino, così da perderei chili che secondo lei erano in eccesso.

Circa un anno dopo essere finita sotto i ferri, ha cominciato a sentirsi male: non riusciva a mangiare e a bere, vomitava costantemente ed è arrivata a circa 38 chili, cosa che l'ha costretta a correre in ospedale, dove è rimasta ricoverata a lungo. Veniva alimentata attraverso delle flebo e tutti le dicevano che rischiava di perdere la vita, visto che i punti della precedente operazione si erano aperti e il cibo stava finendo nella parte "chiusa" del suo stomaco.

"È stato devastante sapere che avrei dovuto fare un altro intervento chirurgico. Mi sono sentita così stupuda, mi ero fatta del male da sola", ha spiegato Venus, il cui obiettivo era diventare una bambola vivente. E' proprio in quel momento che si è resa conto che avrebbe dovuto chiedere aiuto dal punto di vista psicologico piuttosto che chirurgico. Oggi, se tornasse indietro, non rifarebbe mai lo stesso errore: il consiglio che dà a tutte quelle che si sentono grasse è non andare sotto i ferri, a meno che non sia strettamente necessario per preservare la propria salute.