Fino al prossimo 2 Novembre, Parigi ospita il Salon du Chocolat, la tradizionale Fiera del cioccolato francese, arrivata alla sua ventesima edizione. Per festeggiare l’evento, i migliori maestri cioccolatieri della Francia hanno creato anche dei vestiti commestibili, fatti col cioccolato bianco, col fondente o ricoperti di macaron. Ad aprire l’evento è stata infatti una sfilata di settanta abiti realizzati totalmente col cioccolato ed indossati da ospiti d’eccezione, come le ballerine del Crazy Horse, l’ex tennista francese Marion Bartoli e la coreografa americana Mia Frye. Inoltre, nei 20 mila metri quadri di spazio espositivo a Porte de Versailles, sono presenti anche 500 espositori e 200 chef: un’occasione unica ed imperdibile per artisti, designer, maitres-chocolatiers, pasticceri, paesi produttori e visitatori che possono conoscere la storia e la tradizione dell’arte del cioccolato.

L’apertura dell’evento è stata affidata a Dominique Ouattara, first lady della Costa d’Avorio, che ha voluto ricordare a tutti i presenti il grave problema dello sfruttamento del lavoro minorile nell’industria del cacao. Proprio il suo paese, la Costa d’Avorio, è stato riconosciuto dall’US State Department come Paese impegnato nella lotta allo sfruttamento del lavoro dei minori. Il Salon du Chocolat si dimostra anche quest’anno non solo un appuntamento classico per i più golosi, ma anche un evento impegnato dal punto di vista politico.