La gravidanza è un momento magico ed emozionante nella vita di una donna ma spesso, nel corso dei 9 mesi di attesa, non si fanno sempre le scelte giuste per far crescere bene il piccolo. E' importante prendersi cura della propria salute, così da ridurre il rischio di mortalità sia della mamma che del piccolo. E' proprio per far capire alle future mamme quali sono le cose da fare per evitare imprevisti ed eventi spiacevoli durante la gestazione che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha prescritto una serie di nuove raccomandazioni.

Innanzitutto, è necessario che la donna incinta si sottoponga a 8 visite da fare precisamente a 20, 26, 30, 34, 36, 38 e 40 settimane. Prima della 24esima settimana, inoltre, deve essere fatta una ecografia, così da rendersi conto se ci sono delle anomalie fetali, e infine bisogna seguire i consigli di un nutrizionista per mangiare cibi che non facciano male al bimbo. "In questo modo, si facilita l'adozione di misure preventive, l'individuazione di rischi, si riducono le complicanze e si migliorano le disuguaglianze nell'assistenza", ha spiegato Anthony Costello, direttore dell'ufficio Salute neonatale e materna dell'Oms.

Secondo i dati raccolti, sono 303.000 le donne morte lo scorso anno per cause legate alla gravidanza, 2,7 milioni i bambini deceduti nei primi 28 giorni di vita e 2,6 milioni nati già morti: dei numeri decisamente inaccettabili. E' proprio per questo che le vecchie linee guida sono state riscritte. Chiedere assistenza è fondamentale per le donne in gravidanza che vogliono preservare la loro salute e quella del piccolo.