Stirare è una delle attività più odiate dalle donne, soprattutto quelle meno pazienti, che non solo non riescono ad essere precise, ma non sopportano proprio tutto quel calore e quello stress. La domanda che tutte noi ci facciamo è: esiste un modo per rendere questo momento meno faticoso? Ovviamente i vestiti non scompariranno per magia, ma ci sono una serie di trucchi e metodi che renderanno questa attività un po’ meno faticosa. Innanzitutto, il ferro e l’asse da stiro devono essere di buona qualità. Scegliete un ferro da stiro a vapore di ultima generazione e pulitelo ciclicamente con aceto e anticalcare, mentre per quel che riguarda l’asse da stiro, questo dovrebbe essere ricoperto con un panno imbottito e senza cuciture.

Gli abiti, per essere stirati più facilmente, dovranno essere semi umidi, in questo modo infatti si rovineranno meno e si elimineranno tutte le stropicciature e le pieghe varie in un batter d’occhio. Se avete lavato l’indumento molti giorni fa, basterà utilizzare uno spray vaporizzatore per renderlo di nuovo umido. Sarebbe poi importante stirare con ordine, partendo dai tessuti che richiedono una temperatura più bassa, come i capi sintetici, fino ad arrivare a quelli che necessitano di una temperatura più elevata, come gli indumenti di lino e cotone. Bisogna poi partire sempre da cuciture e pences e proseguire con maniche e colletti. Lasciate per ultime le camice, che sono sicuramente i capi più difficili da stirare. Il consiglio è quello di partire da polsini, maniche e colletti, per poi continuare con la parte anteriore e concludere con il retro.