Sabrina Mckenna ha 35 anni, viene dalla contea di Tyrone, nell’Irlanda del Nord, e nel 2012 ha vissuto il trauma di vedere il suo bambino nato morto. Dopo quella drammatica esperienza, non avrebbe avuto più la forza di sopportare un'altra perdita in famiglia ed ha così optato per qualcosa di più singolare. Ha acquistato Lilly e Jay, due bambole realistiche da 200 sterline che tratta come dei veri e propri esseri umani.

Gli cambia il pannolino, li porta a fare shopping, gli scatta foto ed addirittura ha dichiarato di preferire una serata in loro compagnia piuttosto che un appuntamento con un uomo. Nel momento in cui le ha acquistate, ha scelto il formato, il sesso, il colore dei capelli, l’altezza e il peso. Come se non bastasse, ha comprato anche tutti gli accessori possibili, dai vestiti ai carrozzini, fino ad arrivare ai giocattoli.

Le tratta come dei figli a tutti gli effetti, tanto che ha intenzione di ampliare la collezione per dare dei fratellini ai piccoli. “Amo i miei bambini così tanto, sono perfetti e non capisco perché gli uomini ne siano gelosi.  Scarto tutti i pretendenti che non li accettano”, ha dichiarato Sabrina. Nonostante le sue bambole siano così reali da poter essere scambiati per bambini veri, non è così strano che gli uomini scappano dopo aver scoperto il lato oscuro ed inquietante della vita della donna. Sabrina è consapevole della sua stranezza ma allo stesso tempo si sente felice solo quando si trova in compagnia delle sue “bamboline”. Il suo sogno è trovare un partner comprensivo che comprenda anche questa sua insolita passione.