Avete mai sentito parlare della torta all’acqua, il dolce senza burro e uova, pronto in pochi minuti e simile ad una goccia d’acqua? Di sicuro, tutte le amanti della cucina e della dieta avranno trovato moltissime ricette simili in giro per il web ma in poche conosceranno sue origini.

La particolarissima torta all’acqua si ispira al Mizu Shingen Mochi ed unisce due piatti tipici della cultura giapponese molto antichi: il mochi, un dolce nipponico che “scoppia” in bocca donando freschezza, e l’agar, l’alga in formato gelatina. A renderla tanto famosa, lo chef Darren Wang, che l’ha ideata cinque anni fa e che l’ha inserita nel menù di un ristorante di Manhattan. In pochissimo tempo, grazie alla sua forma unica che ricorda una vera e propria goccia d’acqua, è diventata popolarissima, tanto che la sua ricetta è attualmente virale. Naturalmente, il cuoco non ha rivelato gli ingredienti segreti utilizzati ed è per questo che i vari tutorial presenti sul web ne propongono versioni differenti.

La torta all’acqua ha un sapore più o meno identico a quello della semplice bevanda ma è la sua consistenza a generare una sensazione di godimento per il palato. Può essere servita con due condimenti, zucchero di melassa o farina di soia arrosto, ma continua ad essere priva di calorie ed estremamente idratante. La cosa fondamentale è farle mantenere la sua forma unica, anche se molto fragile e delicata. Per ora, è possibile assaggiarla solo in Giappone e in America, anche se le buone forchette affermano che il luogo migliore in cui gustarla è lo Smorgasburg a Brooklyn, un locale hipster dove è impossibile trovare patatine fritte e cibo spazzatura.