tom ford

Tom Ford è un nome che ha dato tanto alla moda nel corso degli anni. Si tratta infatti di un personaggio di spicco e di rilievo nel panorama nazionale ed internazionale dello stile. Tom a partire dal 1990 inizia a collaborare con il brand Gucci, periodo difficile per il marchio italiano che rischiava la bancarotta. In seguito divenne, grazie alla sua caparbietà e al costante impegno, Direttore del Design e passo dopo passo acquistò autonomia ed indipendenza, rivestendo ruoli sempre più importanti per l’immagine e lo sviluppo della maison. Successivamente, nel 2000 diventò anche il Direttore Creativo per il celebre marchio Yves Saint Laurent, confermandosi come un vero talento nel settore della moda. Deciso ad andare sempre più avanti, Tom Ford ha perfino lanciato una linea tutta sua, personalizzandola con il suo stile unico ed impeccabile.

Oggi la celebre svolta: dalla moda un passo deciso verso il mondo del cinema internazionale. Cosi Tom Ford approda al grande schermo, dirigendo il suo primo film dal titolo “A single Man”. La pellicola è tratta dall’omonimo e autobiografico romanzo di Christopher Isherwood “Un Uomo Solo”. Il cast vanta nomi stellari: protagonista è Colin Firth, insieme a Julianne Moore e Matthew Goode. La storia tocca un tema scottante, che ha creato non pochi dissensi: nel film si narra la vicenda di un professore d'inglese omosessuale, che afflitto dalla morte del compagno, cerca di reagire riconducendosi ad un isolamento umano. L'uomo sarà solo, perché dovrà fare i conti con un mondo ostile, non mancheranno i pregiudizi degli omofobi, ma troverà aiuto nell’amica Charlotte.

Tom Ford si è cosi cimentato nella direzione di un film che uscirà nelle sale italiane il 22 gennaio, come menzionato da Il Giornale.it; si tratta di un lungometraggio accolto con applausi dalla stampa, ma che ha destato anche stupore e critiche a causa del tema trattato, quello dell’omosessualità. Cosi lo stilista e regista è stato in grado di catturare l’attenzione della gente, non più tramite abiti o accessori, ma con l’ausilio di una pellicola, confermando ancora una volta il suo inesauribile talento.

Alessia Ferlito