Yoox-Net -a-Porter Group, l'azienda che gestisce gli store online multimarca Net-a-Porter, Mr Porter, Yoox e The Outnet, ha detto addio alle pellicce e ha comunicato che da questo momento in poi seguirà una politica "Fur Free", aderendo all'International Fur Free Retailer Program. I siti web del gruppo hanno sempre venduto marchi rispettosi della vita animale come Stella McCartney e Armani ma fino a questo momento non avevano ancora eliminato le pellicce realizzate con la pelle degli animali

L'idea è nata dalla relazione con la The Humane Society of the United States, la Humane Society International e con la Lega Anti Vivisezione, associazioni che combattono per evitare che gli animali vengano maltrattati e uccisi per produrre degli abiti che sfilano in passerella e che vengono venduti in tutto il mondo. YNAP ha ottenuto anche il sostegno della "Fur Free Alliance", coalizione internazionale che intende proteggere gli animali e l'ambiente.

"Nel 2009 il Gruppo ha intrapreso il suo percorso per la creazione di un futuro sostenibile con il lancio di ‘Yooxygen', la piattaforma pionieristica di Yoox per i brand responsabili a livello sociale e ambientale", ha spiegato Matteo James Moroni, Head of Sustainability di Yoox Net-à-Porter Group. L'azienda ha fatto molti passi avanti in fatto di rispetto dei diritti degli animali ma deve fare ancora molto per assicurare un futuro sostenibile. L'obiettivo ora è quello di lanciare una serie di iniziative, collaborazioni e innovazioni per agire da catalizzatore per un cambiamento radicale nel settore della moda.