Un matrimonio durato 55 anni e celebrato il giorno di San Valentino del 1959, un marito devoto che è stato accanto alla moglie negli ultimi istanti della sua vita e poi l'ha raggiunta. È questa la storia di George Pitman e Pat, una coppia di settantasettenni, di Middlesbrough in Inghilterra.

La donna soffriva di una malattia ai polmoni. Così, il 13 novembre scorso era stata ricoverata all'Ospedale University of North Tees di Cleveland. Il marito, anche lui malato, è stato al capezzale della moglie per una settimana. Le infermiere hanno fatto di tutto perché l'uomo si recasse in un'altra struttura per curarsi. Avrebbe dovuto raggiungere il James Cook Hospital, situato a 16 chilometri di distanza dall'ospedale in cui era ricoverata la moglie, ma lui è stato irremovibile. Il personale medico non ha potuto fare altro che allestire un letto per George, accanto a quello di Pat. Così, Pitman ha potuto realizzare la sua volontà di tenere la mano alla moglie morente. Poco prima che lei se ne andasse, George le ha sussurrato all'orecchio:

"Chiudi gli occhi, sto arrivando".

Subito dopo, Pat è morta. L'uomo ha tenuto fede alle ultime parole pronunciate davanti a sua moglie. Solo 21 ore dopo è morto per un aneurisma aortico. La coppia ha lasciato cinque figli: Jacqueline e Angela Gould, 53 anni, Deborah Willis, 51, Paul, 50 e Gillian Cormack, 47. Inoltre avevano 14 nipoti e 10 pronipoti. Come riporta il Daily Mail, la figlia Jacqueline ha dichiarato:

"L'unico conforto è sapere che sono stati inseparabili nella vita e nella morte. Se fosse stata data loro una scelta, questo è quello che avrebbero voluto. Papà sapeva quello che stava succedendo. Un giorno siamo tornati a casa e l'ho trovato a sistemare una scatola sul letto con tutti i documenti".

I figli hanno fatto sì che il funerale fosse congiunto:

"Una situazione surreale. Adoravano i loro nipoti, trascorrevano tre sere a settimana al club di bocce a bere drink e a giocare. Avevano una grande cerchia di amici e sono tutti addolorati come noi per la loro morte".

La figlia Angela, infine, ha raccontato un aneddoto sulla storia d'amore della coppia:

"Quando erano ancora fidanzati, papà è dovuto partire per Hong Kong. Quando è tornato, dopo due anni, è immediatamente andato da mia madre: le aveva scritto ogni settimana e l'aveva riempita di regali sperando di non perderla. Non sono mai stati separati e sembra giusto che siano morti insieme".