Asia D’Arcangelo è una ragazza di 19 anni, viene da Pesaro e fin dalla nascita ha combattuto contro una grave malattia, la fibrosi cistica, che rende dense le secrezioni di bronchi, polmoni, e pancreas. Quando era una bambina, il suo corpo non tratteneva nulla nel momento in cui mangiava e di conseguenza non cresceva. “Sembrava una bambina del Biafra secca secca e con la pancia gonfia”, ha raccontato mamma Francesca.

Dopo che i medici le hanno prescritto degli enzimi pancreatici, è riuscita poi a normalizzarsi e ad assorbire finalmente i lipidi contenuti nei cibi. A 6 anni, però, le sue condizioni sono peggiorate, ha preso una brutta polmonite ed è stata ricoverata in ospedale, dove poi grazie ad un’immensa forza di volontà e alle cure giuste è riuscita a guarire. La situazione è precipitata nel 2013, quando è stata colpita da una terribile crisi respiratoria che l'ha costretta a sottoporsi d’urgenza ad un trapianto di polmoni all’ospedale di Siena. Dopo pochi mesi dall’intervento, ha avuto un rigetto ed è peggiorata a vista d’occhio. Ancora una volta, si è sottoposta ad un trapianto durato ben 12 ore ma alla fine è riuscita a sopravvivere.

Sono nata tre volte: il 13 marzo 1996; il 23 luglio 2013, data del primo trapianto; il 19 dicembre 2015, giorno del secondo trapianto”, ha spiegato con orgoglio la ragazza. Oggi Asia sta bene ed è felice di poter tornare alla sua vita normale. Va all’università, esce con gli amici, va in palestra, anche se i farmaci che prende e le cicatrici che porta sul corpo le ricordano ogni giorno quello che ha affrontato.