Tutti quelli che sono sempre andati bene a scuola, che non hanno mai avuto problemi ad apprendere nuove nozioni e che vengono definiti intelligenti dovrebbero andare immediatamente andare dalla propria mamma per ringraziarla. Il motivo sarebbe molto semplice. Secondo uno studio pubblicato su “Psychology Spot”, è proprio la madre a trasmettere il gene dell’intelligenza ai propri figli.

A dispetto di quanto si è sempre pensato, non sono i papà a tramandare le loro capacità intellettive al nascituro, ma piuttosto la parte femminile della coppia. Le donne, infatti, hanno due cromosomi X, mentre gli uomini ne hanno uno X e uno Y. L’intelligenza si trova sul cromosoma X ed è chiaro per quale motivo si hanno più possibilità di ereditare le capacità intellettive proprio dalla mamma. Inoltre, quando è il padre a tramandare il gene X, nella maggior parte dei casi il suo effetto è "disattivato", così come capita con altri geni, che si attivano solo se vengono ereditati dalla parte maschile della coppia.

Naturalmente, la questione genetica non è l'unica fattore che ha un forte impatto le capacità intellettive del nascituro ma non si può ignorare il fatto che abbia moltissima influenza sulla cosa. Tutte le future mamme che vogliono mettere al mondo dei bambini intelligenti farebbero bene a sapere che non è necessario trovare un partner plurilaureato, distintosi sempre per il suo cervello, sarà lei a tramandargli il suo quoziente intellettivo. A questo punto, non gli resta dunque che lavorare sulla propria intelligenza