1 Aprile 2016
19:13

Si mostra “brutta” sui social, la sua agenzia di moda la licenzia

Stina Sanders ha 24 anni, è una blogger e la sua storia è molto particolare. Dopo essersi mostrata “brutta” e al naturale sui social, non solo ha perso moltissimi followers, ma è stata anche licenziata dall’agenzia di moda per cui lavorava.
A cura di Valeria Paglionico

Stina Sanders ha 24 anni, è una blogger londinese e nei mesi scorsi era diventata famosa per aver postato sul suo profilo Instagram delle immagini che la ritraevano “al naturale”. Non si è limitata ad immortalarsi senza trucco di primo mattino, ma ha fatto qualcosa in più. Si è mostrata mentre faceva la ceretta e in altri momenti imbarazzanti della giornata.

La cosa non ha giovato alla sua popolarità, visto che è arrivata a perdere ben tre mila followers e che di recente ha dichiarato che la sua agenzia di moda l’ha licenziata. A causarle un danno tanto grave sono state proprio quelle immagini reali, considerate inopportune e brutte per una persona influente come lei. “Da quando ho iniziato l’esperimento ho perso cinque mila seguaci. Sono passata da quindici mila a dieci mila. Inoltre, una delle mie agenzie di moda è stata infastidita da quelle immagini brutte, così mi ha licenziato”, ha spiegato la blogger.

Stina non può fare a meno di esprimere indignazione per l’accaduto e vuole far capire a tutti che la vita mostrata sui social non è quella reale. Le foto vengono distorte, ritoccate, modificate con i filtri ed è proprio per questo che appaiono tanto meravigliose. La sua storia ha dimostrato che nel momento in cui si postano immagini che ritraggono la vita vera le conseguenze sono assurde ed indesiderabili. A quanto pare, la sincerità e l'onestà sono due qualità che non pagano, soprattutto quando si parla di social. L’unico modo per ottenere nuovamente successo sarebbe “piegarsi” alla volontà dei media, ma probabilmente Stina non accetterà mai di farlo.

"Il corpo della moda" in mostra a Parigi
"Il corpo della moda" in mostra a Parigi
Amanda Gorman, poetessa in un'agenzia di moda: il valore delle parole si amplifica con l'estetica
Amanda Gorman, poetessa in un'agenzia di moda: il valore delle parole si amplifica con l'estetica
La prima agenzia di moda di Kabul regala un sogno alle aspiranti modelle afghane
La prima agenzia di moda di Kabul regala un sogno alle aspiranti modelle afghane
Ddl Zan, la delusione del mondo della moda. Pierpaolo Piccioli: "Il mio Paese non è quello che applaudiva"
Ddl Zan, la delusione del mondo della moda. Pierpaolo Piccioli: "Il mio Paese non è quello che applaudiva"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni