Shane Michael Haley è nato e dopo solo quattro ore ha esalato l'ultimo respiro. Il piccolo era affetto da anencefalia, una sindrome che non permette al cervello del feto di svilupparsi correttamente durante la gravidanza. Jenna Gassew e Dan Haley, i genitori di Shane, dopo sole 13 settimane dal concepimento hanno saputo dai medici che il loro bambino non sarebbe sopravvissuto a lungo a causa della patologia che colpisce un solo bambino su 100.000. Il cervello di Shane non si sarebbe formato completamente per questo il bimbo sarebbe morto poco dopo aver visto la luce.

I due ventenni nonostante la triste notizia ha scelto di portare avanti la gravidanza e di sperare. Dato che probabilmente il loro bambino non avrebbe potuto fare tutte le esperienze hanno ben pensato di regalare al piccolo alcuni momenti speciali da vivere mentre era ancora nel pancione. Jenna e Dan, con Shane nella pancia della madre, hanno visitato New York e viaggiato in lungo e largo per gli Stati Uniti, sono andati in visita da parenti vicini e lontani, hanno scelto le zucche per Halloween e portato il loro bambino all'acquario e alle partite di baseball. I genitori sapevano che Shane non sarebbe vissuto per più di qualche ora ma hanno comunque voluto comprare una culla, i vestitini e tanti peluche.

Ogni momento delle gravidanza è stata immortalato in una serie di commoventi immagini che la coppia ha pubblicato sulla pagina "Prayers for Shane" aperta per condividere con il mondo la loro triste storie. In poco tempo la pagina ha raggiunto quasi un milione di like e sono migliaia i commenti che ogni giorno le persone commosse dalla storia di Shane lasciano sulla bacheca. Nei giorni scorsi la gravidanza di Jenna è arrivata al termine, Shane è nato ma i suoi genitori lo hanno potuto abbracciare per poco tempo, il piccolo è morto dopo solo quattro ore dal parto.