Il terzo giorno di Milano Moda Uomo ha visto protagoniste in passerella le collezioni Autunno/Inverno 2014-15 di grandi maison italiane come Etro, Fendi e Antonio Marras. A catturare l'attenzione del popolo della moda anche le splendide collezioni dei designer italiani della nuova leva, come Andrea Pompilio e Andrea Incontri e i capi sport couture di Dirk Bikkemberg. Trussardi ha invece mostrato con una presentazione nel palazzo milanese della maison capi invernali dal mood retrò ed eleganti abiti per un uomo che ama essere sempre impeccabile, mentre Belstaff ha presentato una collezione, con lunghe cappe, stivali e pantaloni in pelle, perfetta per moderni biker. Ecco tutto il meglio del secondo giorno della Milano Fashion Week.

Da Andrea Pompilio nulla è come sembra – Lo stilista apre il terzo giorno di Milano Moda Uomo proponendo una collezione che non lascia indifferenti. Pompilio si ispira ad una foto di famiglia, un'immagine in cui appare un ufficiale dell'esercito con tanto di divisa dai bottoni lucenti, quell'uomo è suo nonno.

Da questo scatto prendono vita affascinanti capi attraverso cui il designer reiterpretano in chiave moderna ed irriverente le uniformi, abiti con cui si diverte a stravolgere le regole della formalità più classica. Il femminile diventa maschile attraverso l'utilizzo di stampe a pois, il sopra si trasforma in sotto, nei capi sviluppati al contrario, mentre l'interno diventa esterno, come nel parka con maniche in nylon e fodera in lapin. Pompilio riesce ad affascinare con una collezione moderna e fuori dagli schemi, mai eccessiva, ricercata e di tendenza. Guarda le foto della sfilata.

Il nuovo minimalismo di Andrea Incontri – Grazie alle linee pulite ed essenziali, arricchite però da particolari "impalcature" di tessuto, Andrea Incontri riesce a riscrivere le regole del minimalismo e a proporre in passerella una collezione maschile che ricorderemo. I capi sono semplici in maniera disarmante ma restano bene impressi nella mente: le forme squadrate delle shirt in tessuto tecnico, i maxi coat dai colori intensi e le giacche doppiopetto rendono unico l'uomo che ama un'eleganza essenziale e senza fronzoli.

Incontri crea forme inconsuete con i tessuti, offrendo tridimensionalità alle giacche con maxi tasche appplicate o estremizzando la vita dei pantaloni con inserti che raddoppiano l'altezza. Gli accessori sono protagonisti, saltano all'occhio le splendide maxi bag in pelle rosso acceso, i cappellini in lana e gli zaini dalle forme originali. Guarda le foto della sfilata.

L'antica sartoria di Antonio Marras – Assistere ad una sfilata di Antonio Marras vuol dire sempre avere davanti agli occhi uno spettacolo più che una semplice presentazione di abiti. Per il suo ritorno al menswear lo stilista sardo non si risparmia e ricrea, con gli allestimenti, con i tessuti e con i modelli, le atmosfere della vecchia sartoria in cui è cresciuto. La collezione uomo A/I 2014-15 non solo è ispirata alla figura di suo padre, proprietario di un negozio di tessuti, ma diversi capi sono realizzati proprio con quei tessuti che Marras per anni ha conservato e custodito come un tesoro prezioso.

Oggi il designer sardo riscopre quel tesoro e lo condivide creando una collezione dal sapore retrò in cui regna un mix tra passato e presente che lascia senza fiato. L'unione, la mescolanza e l'impasto di stili differenti, di tessuti opposti e di forme così lontane da vita ad uno stile inedito fatto di maxi cappotti su cui il Principe Di Galles pian piano si trasforma in lapin, a chiodi in pelle con maniche in gessato e a candide camicie su cui sorge lo schizzo del profilo di un uomo con la sigaretta in bocca, quel padre che ha ispirato l'intera collezione di Marras. Guarda le foto e il video della sfilata.

Fendi e la riscoperta delle origini – Anche Fendi torna a sfilare a Milano con la collezione maschile dopo alcuni hanno in cui ha scelto di mostrare il menswear con delle presentazione. Per il ritorno in passerella Silvia Venturini Fendi riscopre le origini del marchio, ritorna alla lunga tradizione e crea una collezione maschile di grande impatto in cui la palliccia è protagonista.

L'uomo Fendi stupisce con ironici cappelli e con maxi guanti in pelliccia, affascina con vaporosi doppiopetto in fur, e fa brillare ogni look con meravigliose borse ad effetto cocco. Le linee pulite degli abiti, dei maglioni e dei cappotti sono impreziosite con inserti furry, accostamenti double di materiali differenti, enormi colli e cappucci in pelliccia. Gelidi grigi, blu navy decisi e neri intensi si contrappngono a tonalità più calde di beige, cammello e marrone, mentre qua e là spuntano dettagli di giallo senape . Guarda le foto e  il video della sfilata.

L'eroe contemporaneo di Trussardi –  La collezione Uomo A/I 14-15 di Trussardi è dedicata all’eroe contemporaneo di una moderna spy story fumosa: un giustiziere buono dall’animo duplice – romantico e tagliente – che risponde alle caratteristiche del DNA del marchio. Sartorialità, tradizione ed eleganza aristocratica si fondono con un’impeccabile ricerca tecnologica in una progettualità sempre rivolta al futuro. Il connubio tra la modernità futuristica e minimale della pelle lucida dai tagli dritti e il calore morbido delle lane inglesi dona equilibrio al guardaroba essenziale, versatile e concreto dell’uomo a cui ha pensato Gaia Trussardi, Direttore Creativo del marchio.

Uno styling moderno e disinvolto, che mescola capi dall’attitudine sleek, pulita e tagliente, a pezzi caldi e avvolgenti, grandi classici senza tempo del guardaroba di un moderno gentleman. La pelle minimalista dei lunghi trench o del nuovo biker si porta con i pantaloni sartoriali in Principe di Galles dei completi realizzati in lana cachemire e gessato; i cappotti in lana cammello e le avvolgenti maglie sono indossati con pantaloni a sigaretta in pelle lucida. Così si esprime al meglio il lifestyle contemporaneo di un professionista di successo che alla sera lascia la grande città, sfrecciando verso un rifugio segreto e sontuoso di campagna.