72.382 CONDIVISIONI
24 Agosto 2020
09:50

Sempre più donne decidono di non avere figli: una scelta tra libertà e incertezza del futuro

Dal 2016 ad oggi sono aumentate in modo esponenziale le donne che non vogliono avere figli. Al di là del desiderio di libertà e di realizzazione personale, interviene anche l’incertezza per il futuro, che porterebbe le potenziali mamme a considerare la rinuncia alla maternità una forma di altruismo.
A cura di Valeria Paglionico
72.382 CONDIVISIONI

Diventare mamma è sempre stata considerata una delle esperienze più belle ed emozionanti che una donna possa provare nella sua vita ma negli ultimi tempi le cose sono cambiate e sono sempre di più quelle che decidono di rinunciare alla famiglia. A dimostrarlo sono i dati Istat, secondo i quali dal 2016 in poi sono in costante aumento le donne "childfree", per la precisione il 45% delle italiane tra i 18 e i 49 anni decide consapevolmente di non avere figli. Si tratta di donne dinamiche, sicure di sé, colte, impegnate nella realizzazione personale e convinte di voler preservare la propria libertà, anche se a influenzare questa scelta è anche l'incertezza economica.

Non volere figli è un atto altruistico

È da diversi anni che il mondo contemporaneo sta vivendo una momento di crisi, il futuro è sempre più incerto e, non potendo assicurare nulla alle nuove generazioni, obbliga le potenziali mamme a rinunciare a una nuova vita da genitore. La pandemia, con tutti i timori e le preoccupazioni che ne conseguono, non ha fatto altro che aggravare la situazione e di sicuro inciderà fortemente sulle scelte relative alla maternità. I figli non sono più visti come una garanzia del domani, come un modo  per portare avanti la propria "dinastia", ma piuttosto come una "minaccia" per il futuro, come delle "mine vaganti" messe al mondo nella più totale incertezza. Da questo punto di vista, evitare di concepirli risulta essere un atto altruistico.

Una donna senza figli viene ancora definita "incompleta"?

A differenza del passato, però, non voler diventare mamma non viene vista come una privazione ma come una forma di libertà, un modo per tutelare la propria autonomia, per rivendicare il proprio diritto a esercitare una scelta individuale. Rinunciare alla famiglia diventa una sorta di "trampolino di lancio" per la realizzazione personale. Quello che ci si chiede è: nel 2020 una donna che decide di non volere figli viene ancora considerata "incompleta" oppure si comincia capire che dietro questa sua scelta potrebbe esserci solo un realismo tale da portarla ad ammettere "non posso permettermi di diventare mamma"?

72.382 CONDIVISIONI
La maternità non è l'unico destino possibile: perché sempre più donne scelgono di non avere figli
La maternità non è l'unico destino possibile: perché sempre più donne scelgono di non avere figli
Istat, le donne fanno sempre meno figli: 67 neonati ogni 100 morti
Istat, le donne fanno sempre meno figli: 67 neonati ogni 100 morti
Non chiamiamola rinuncia se non avere figli è una scelta: ce lo insegna Rita Levi Montalcini
Non chiamiamola rinuncia se non avere figli è una scelta: ce lo insegna Rita Levi Montalcini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni