Jonathin Perez è un bambino di 4 anni, viene da Indianapolis, negli Stati Uniti, e la sua storia è ai limiti dell'assurdo. Qualche mese fa ha cominciato a sentirsi stanco e spossato, soffriva sempre di mal di gola e spesso aveva i decimi di febbre ma la mamma Katie ha sempre pensato che si trattasse semplicemente di influenza. Con il passare del tempo, però, le sue condizioni di salute sono peggiorare e, dopo essersi sottoposto a diversi controlli medici, il bimbo ha scoperto di essere affetto da una grave infezione batterica causata da un insetto carnivoro che gli stava infestando tutto il corpo, mangiandolo letteralmente dall'interno.

A qualche giorno dall'arrivo della diagnosi, Jonathin ha iniziato a soffrire anche di alcuni dolori alle gambe e di lì a poco non solo non è riuscito più a camminare ma uno dei suoi arti è andati anche in cancrena, costringendo i dottori ad amputarlo dopo averlo messo in coma farmacologico. "Mi sono sentita spaventata, impotente e colpevole per non averlo capito prima. I medici credevano che sarebbe morto", ha dichiarato la mamma, che ha vissuto l'accaduto come un vero e proprio trauma.

Oggi il piccolo non ha più le gambe ma è ufficialmente fuori pericolo, anche se dovrà servirsi di alcune protesi per camminare. La mamma Katie, intanto, vuole mettere in guardia tutti i genitori: è necessario non sottovalutare dei sintomi che sembrano essere banali come la febbre, anche in casi come quelli ci potrebbero essere dei problemi di salute molto gravi come è capitato al suo bambino.