Il lockdown è stato un incubo un po' per tutti e, anche se nessuno vuole ritrovarsi a vivere per mesi e mesi in quarantena, è necessario prepararsi a tutto, visti i tempi incerti che stiamo vivendo da diverse settimane. Quando si parla della regina Elisabetta II, ad esempio, deve essere messo in atto un vero e proprio "piano di salvataggio" proprio come è successo quando la pandemia ha travolto il Regno Unito. La sovrana, infatti, sa bene di essere un soggetto a rischio ed è per questo che ha passato la quarantena in isolamento a Windsor. Ora che la situazione sta cominciando a essere di nuovo preoccupante, avrebbe già avvertito i membri del suo staff: c'è la possibilità che tutti debbano passare le feste natalizie in isolamento con lei nella residenza di Sandringham.

Lo staff reale non vuole rimanere in isolamento a Natale

La cosa che forse neppure lei si sarebbe mai aspettata è che ci sarebbe stato un ammutinamento a palazzo. Secondo quanto trapelato dai tabloid inglesi, infatti, i dipendenti della corona sarebbero sul piede di guerra: non hanno alcuna intenzione di rimanere ancora una volta per mesi lontani dalle famiglie solo e unicamente per servire e per preservare la salute della regina. Una ventina di dipendenti, in particolare, si sarebbero rifiutati di prendere parte al piano di salvataggio, dichiarando che le richieste reali sarebbero andate un po' troppo oltre. La ribellione rappresenta un evento senza precedenti a corte, non era infatti mai capitata una cosa simile e inevitabilmente la regina si sarebbe infuriata. L'incomprensione si risolverà prima che la sovrana si richiuda nuovamente in uno dei suoi palazzi a causa della pandemia?