149 CONDIVISIONI
La morte di Raffaella Carrà a 78 anni
5 Luglio 2021
17:43

Raffaella Carrà, la storia dell’iconico caschetto biondo che l’ha resa leggendaria

Raffaella Carrà è morta, aveva 78 anni e da tempo combatteva contro una malattia che l’aveva costretta ad allontanarsi dal mondo dello spettacolo. Il caschetto biondo era il suo “marchio di fabbrica” e di certo rimarrà per sempre iconico ma in quanti sanno come è nato?
A cura di Valeria Paglionico
149 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Raffaella Carrà a 78 anni

È morta Raffaella Carrà, la signora della tv italiana che ha fatto storia con la sua simpatia, con la sua energia, con la sua bellezza e con la sua risata fragorosa. Aveva 78 anni e da tempo combatteva contro una malattia che purtroppo non le ha lasciato speranze. Da qualche tempo si era ritirata a vita privata, aveva preferito evitare di condividere la sofferenza con i fan, così che il calvario che stava affrontando non rovinasse il luminoso ricordo di lei. Oggi il mondo dello spettacolo non può fare a meno di piangerla: è stata un'artista a 360 gradi, una donna rivoluzionaria, un'indiscussa icona fashion che, tra ombelico in mostra e caschetto grafico, è riuscita a lasciare il segno nella storia della moda del nostro paese.

Il caschetto di Raffaella Carrà non passerà mai di moda

Raffaella Carrà ha perso la vita ma il suo ricordo rimarrà per sempre vivo nei ricordi di tutti coloro che l'hanno vista almeno una volta in tv. Al di là dei successi professionali, delle hit che ancora oggi riempiono le piste delle discoteche e della travolgente energia che sprigionava da tutti i pori, la "Raffa nazionale" continuerà a essere associata a un dettaglio di stile ben preciso, l'iconico caschetto geometrico biondo ossigenato. È caratterizzato da dettagli a rasoio estremamente precisi, da una frangia leggermente sfilata e a tendina, da delle forme grafiche che ne esaltano le linee. Intramontabile, elegante, glamour, fresco e sbarazzino: il taglio di capelli della Carrà non passerà mai di moda.

L’iconico caschetto biondo di Raffaella Carrà
L’iconico caschetto biondo di Raffaella Carrà

Come è nato il taglio con la frangia della Carrà

Solo in pochi, però, conoscono la vera storia del taglio di capelli che ha reso la showgirl leggendaria. I fan che hanno avuto la fortuna di ammirarla in tv fin dagli esordi sanno bene che all'inizio la Carrà non era bionda naturale, nasceva con dei capelli rosso mogano con delle naturali onde mediterranee, non a caso fu proprio in questa versione che debuttò nello spettacolo sul finire degli anni '60 (come dimostrano le immagini del film Il colonnello Vin Ryan). Nel corso della carriera subì poi una vera e propria trasformazione ma in modo molto graduale: inizialmente divenne castana, poi, complice un ruolo in una commedia di Rai 1, provò per la prima volta a sfoggiare un bob biondo, netto, extra liscio e con la frangia.

Raffaella Carrà con i capelli scuri agli esordi della carriera
Raffaella Carrà con i capelli scuri agli esordi della carriera

La prima volta che Raffa sfoggiò il caschetto in tv

In un primo momento Raffaella si limitò a indossare una parrucca ma, trovando la sua vera identità in questa nuova versione bionda, decise di rivolgersi a Celeste Vergottini per cambiare look in modo definitivo. Era uno dei parrucchieri più celebri dell'epoca, fu lui a ideare il “casco d’oro” di Caterina Caselli ed è per questo che Raffa affidò proprio a lui la sua chioma. La prima volta che la Carrà sfoggiò pubblicamente il nuovo taglio fu nel 1970 durante lo show Io, Agata e tu: qui il caschetto era liscio e geometrico ma non ancora biondo. La vera svolta avvenne a Canzonissima qualche mese dopo, dove al fianco di Corrado la Raffa nazionale debuttò con gli iconici capelli biondi in tv.

Una delle prime volte in tv col caschetto
Una delle prime volte in tv col caschetto

Come è cambiato il taglio di Raffaella Carrà negli anni

Fu proprio da quel momento in poi che non poté fare più a meno del caschetto biondo e, a quanto pare, la sua scelta di stile fu azzeccatisima, basti pensare al fatto che fin dal primo momento l'iconico taglio di capelli influenzò l'hairstyle delle donne dell'epoca. Negli anni successivi la Carrà rimase sempre fedele alla nota acconciatura diventata il suo "marchio di fabbrica", modificò solo le lunghezze e la frangia, portata spesso a ciuffo, ma non rinunciò mai alle linee geometriche. "La mia teoria è che devi essere riconoscibile ma nello stesso tempo devi cambiare e rinnovarti poco a poco", sono queste le parole con cui la mitica Raffa descrisse l'iconico caschetto che ancora oggi fa sognare. Insomma, la Carrà ha segnato un'epoca, diventando il simbolo di un'eleganza senza tempo: il stile glamour ma allo stesso tempo evergreen continuerà a essere imitatissimo anche dalle nuove generazioni.

Raffaella Carrà a The Voice con il caschetto
Raffaella Carrà a The Voice con il caschetto
149 CONDIVISIONI
45 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni