La primavera e ormai arrivata da un pezzo e tra qualche mese sarà il momento di dare il benvenuto all'estate e mettersi in costume da bagno. Per tutte le donne arriva il momento più temuto dell'anno, quello in cui bisogna mostrare il corpo indossando il bikini al mare. Inizia dunque la corsa spasmodica per tentare di rimediare alle imperfezioni fisiche con i trattamenti di bellezza più svariati.

Quali sono i trattamenti più desiderati dalle donne?

Un sondaggio dell’Associazione “Donne e Qualità della vita”, condotto su un un campione di 450 donne tra i 28 e i 55 anni, ha rivelato quali sono i trattamenti di bellezza più richiesti dalle donne italiane in vista della prova costume. Dai risultati finali del sondaggio emerge che 1 italiana su 2, per la precisione il 54% delle intervistate, ha dichiarato di volersi sottoporre a trattamenti efficaci per combattere la cellulite, l’inestetismo più sentito tra le donne, a seguire, il 35% del campione desidera alleviare le fastidiose rughe del viso. Un altro annoso problema è quello dei peli superflui, che spinge il 9% delle intervistate a desiderare sedute di fotoepilazione a luce pulsata.

Quali trattamenti di bellezza evitare in estate?

Tutti questi trattamenti vengono utilizzati dalle donne per sentirsi meglio, soprattutto in estate quando devono mostrare il corpo in spiaggia, gli esperti avvertono però che alcuni di questi possono essere dannosi e vanno accuratamente evitati durante la stagione calda. La Dott.ssa Maria Grazia Caputo, medico estetico, spiega quali trattamenti possono essere fatti in tranquillità anche in estate e quali evitare: “No ai peeling molto aggressivi ed esfolianti, sì invece a peeling più delicati, con acido mandelico ad esempio, che rappresenta la nuova generazione di peeling, con cui è possibile ottenere risultati eccellenti con il minor rischio di effetti indesiderati; esso può essere utilizzato anche nel periodo estivo perché non è fotosensibilizzante”.

Gli esperti sconsigliano laser e luce pulsata in estate

La dottoressa Caputo spiega i motivi per cui durante l'estate vanno evitati accuratamente trattamenti come laser e luce pulsata: “Assolutamente da evitare nei mesi estivi i laser e la luce pulsata, utilizzati per attenuare le macchie della pelle e per l’epilazione permanente, perché espongono maggiormente la pelle a rischio di potersi macchiare. Vivamente consigliati invece biorivitalizzazione e biostimolazione soprattutto, come tecnica preventiva della disidratazione, provocata dall’esposizione al sole. Queste micropunturine a base di farmaci (aminoacidi, acido ialuronico ecc) tendono a migliorare l’idratazione e donare nel tempo compattezza, turgore ed elasticità alla pelle".

Come combattere la cellulite?

Un italiana su due dichiara di essere estremamente preoccupata a causa delle cellulite che l'affligge, in casi del genere la Dott.ssa Caputo consiglia la carbossiterapia. Tale trattamento consiste nell’iniezione sottocutanea di anidride carbonica che va ad intervenire positivamente sia sul microcircolo e quindi sulla cellulite, sia sull’adiposità localizzata, riducendola. "Questa terapiaspiega l'esperta – può essere fatta tutto l’anno, non ha una stagionalità in quanto non risente minimamente dell’esposizione al sole; anzi, raccomando di sottoporsi alla carbossioterapia proprio in questo periodo dell’anno, in cui il caldo non è ancora completamente scoppiato, in modo da arrivare in estate, con un miglioramento dal punta di vista microcircolatorio, associato ad una diminuzione dei sintomi legati alla pesantezza, alla ritenzione di liquidi e al gonfiore delle gambe”.