Prada riporta in Italia le società di controllo basate finora in Olanda e Lussemburgo. Oggi i vertici della maison italiana hanno comunicato che, in accordo con l'Agenzia delle Entrate, riporteranno nel nostro Paese Prada Holding e le altre società di Patrizio Bertelli, Miuccia Prada e dei due fratelli di quest'ultima. Bertelli ha spiegato che si tratta di una decisione che si inserisce coerentemente nella volontà del gruppo di investire sull'Italia.

Prada Holding ha dunque annunciato di aver portato a termine la procedura di "voluntary disclosure", il tutto dopo aver scelto di fare dell'Italia il centro nevralgico delle proprie attività. Il percorso per riportare la maison in Italia era iniziato già nel 2008 e oggi Patrizio Bertelli, AD e azionista di Prada, esprime con queste parole la propria soddisfazione:

Siamo molto contenti di aver preso questa decisione strategica, coerente con la nostra volontà di investire sull'Italia. Ciò è stato possibile grazie ad un rapporto sereno e costruttivo con l'amministrazione finanziaria, improntato alla reciproca fiducia, condizione indispensabile per ristabilire quel rapporto di collaborazione, necessario per la ripresa del Paese attraverso la valorizzazione del patrimonio imprenditoriale, umano e culturale dell'Italia.