Vi è mai capitato di portare avanti diverse relazioni contemporaneamente? Questa pratica viene chiamata poliamore e negli ultimi tempi sta diventando sempre più diffusa. E' una sorta di relazione aperta, in cui si hanno diversi rapporti intimi, sessuali e affettivi con più partner, i quali devono essere perfettamente consapevoli dell’esistenza dei loro “rivali in amore”.

Le caratteristiche fondamentali del poliamore non sono solo il rifiuto della monogamia e dell’esclusività, ma anche e soprattutto l’eticità, cioè l’impegno alla trasparenza e all’onesta con i propri compagni. Del sesso opposto o dello stesso sesso, non importa, una persona che decide di intrattenere delle relazioni poliamorose è innamorata di tutti i suoi partner e la durata del rapporto non deve mai essere considerata un indicatore della qualità della relazione. Anche nel poliamore si vogliono creare dei legami profondi e coinvolgenti ed è proprio per questo che si vuole essere completamente onesti fin dal primo momento. Una relazione aperta come questa potrebbe essere considerata assurda ed insensata dalle persone gelose, ma una volta che si sarà compreso il concetto, potrebbe diventare anche un’esperienza interessante.

Il poliamore non deve essere paragonato al semplice tradimento poiché in quest’ultimo le relazioni con gli altri partner vengono tenute segrete. Soddisfazione, felicità e benessere, sono sempre questi gli obiettivi delle persone che scelgono di intraprendere delle relazioni poliamorose. L’unica differenza con un rapporto monogamo? La volontà di portare avanti parallelamente diverse relazioni, alle quali però viene dato lo stesso peso. Il poliamore comporta flessibilità, buone doti comunicative, capacità di negoziazione dei propri limiti e padronanza delle proprie emozioni. Insomma, con il poliamore si può dire definitivamente addio alla fedeltà ed alla gelosia.