L’olio di palma è ricavato dalla spremitura o dalla centrifugazione del mesocarpo dei frutti, ha una consistenza semisolida e contiene un’alta percentuale di acidi grassi saturi. E’ presente in quasi tutti i prodotti confezionati ed è potenzialmente pericoloso poiché alza i livelli di colesterolo,  portando gravi problemi alle arterie e al sistema circolatorio. E’ proprio per questo che centinaia di clienti hanno chiesto alla nota azienda di prodotti per bambini, Plasmon, di eliminare questo composto dalla ricetta dei noti biscotti, così da non provocare danni alla loro salute fin da piccolissimi.

Addirittura nei mesi scorsi era nata una petizione online su Charge.org, che intendeva raccogliere le firme di tutti i genitori indignati. L’idea sembra aver funzionato, visto che poche ore fa l’azienda ha comunicato con un video caricato su Facebook l’arrivo sul mercato di un nuovo biscotto privo di olio di palma. La nuova ricetta contiene solo olio di girasole e di oliva e, nonostante ciò, mantiene invariati i principi nutrizionali, la friabilità, il gusto inconfondibile e la proprietà di sciogliersi facilmente in bocca.

Per promuovere il nuovo prodotto, Plasmon ha lanciato l’hashtag #TiAbbiamoAscoltato, che fa riferimento alla volontà dell’azienda di andare incontro alle esigenze delle mamme, anche se questo significa stravolgere la ricetta dell’iconico biscotto. I nuovi Plasmon senza olio di palma sono ancora più sani ed accompagneranno ancora il bambino nella crescita con calcio, vitamine e ferro, tutte sostanze che contribuiscono al suo normale sviluppo cognitivo.