Stephanie Seabrook è una ragazza di 28 anni, viene da Portland, nell’Oregon, ed era arrivata a pesare 152 chili. I medici non le davano speranze e le dicevano che, se avesse continuato ad ingrassare, sarebbe morta a causa dell’obesità. Dopo il divorzio dei suoi genitori, Stephanie aveva cominciato a mangiare in continuazione per superare il trauma, ma si vergognava così tanto di essere diventata grassa che non usciva quasi più di casa.

Per spronarla a dimagrire, sua mamma le ha consigliato dunque di scrivere tutte le frasi più offensive che le erano state rivolte mentre camminava in strada fino a quel giorno. La cosa l’ha fatta sentire così in colpa che il giorno dopo ha cominciato a fare lunghe passeggiate ogni giorno. Successivamente, ha cominciato a seguire una dieta sana e dei consigli di un personal trainer. Si è allenata regolarmente per sei mesi e si è poi sottoposta ad un intervento per rimuovere la pelle in eccesso. In questo modo è stata capace di perdere ben 36 chili in modo naturale. Col tempo ha continuato a dimagrire, tanto da essere arrivata a pesare 68 chili in meno rispetto all'inizio.

La mia idea è far andar via tutta la negatività insieme al grasso. L’intervento ha cambiato completamente la mia vita, non ho più timore a restare nuda ed ho molta più fiducia in me stessa”, ha spiegato Stephanie. Solo oggi, dopo 2 anni, ha avuto la forza di raccontare la sua storia, con la speranza che possa essere d'ispirazione per tutte le persone che vogliono combattere l'obesità. Ora, la 28enne va fiera della sua forma e le cicatrici che porta sul corpo sono solo la dimostrazione che è riuscita a raggiungere il suo obiettivo.