Durante le feste, saranno capitate spesso delle riunioni di famiglia che hanno coinvolto davvero tutti i parenti, dalle bisnonne ai nipotini più piccoli. A volte, però, si vedono dei bambini riluttanti ad abbracciare e baciare i loro familiari. Non si tratta di capricci o di paura, il piccolo può naturalmente rifiutare di manifestare il proprio affetto attraverso gesti simili. Gli psicopedagoghi di tutto il mondo sono d’accordo su una cosa: al bambino deve essere lasciata una totale autonomia. Quando lo si costringe a dare un bacio o un abbraccio alla nonna o alla vecchia zia è come se gli si imponesse una certa autorità sul suo corpo, mentre invece deve essere lui a doverne disporre come meglio crede. I casi di abusi sui minori sono solitamente dovuti proprio all’autorità che un parente può avere sui piccoli. E’ per questo motivo che i genitori canadesi hanno diffuso delle semplici regole per permettere al piccolo di decidere tutto in piena libertà.

1. Lasciare ai bambini la scelta – Ogni bambino deve decidere da solo se salutare un parente con un bacio o con un abbraccio. Se non vuole farlo, non importa, non lo si dovrà forzare.

2. Offrire alternative di saluto – Salutare i familiari rimane comunque una forma di educazione e di conseguenza devo essere trovati dei gesti “alternativi”. Dare il cinque o fare un cenno con la mano sono due cose che vanno benissimo per i più piccoli.
3. Spiegare tutto alla famiglia – Per non far sentire il bambino viziato e fuori luogo, bisogna spiegare ai parenti quello che sta succedendo. Se non dispensa baci e abbracci p solo perché sta imparando ad avere piena libertà decisionale sul suo corpo e la cosa andrebbe rispettata.