Lexi Pacini è una bambina di 4 anni, viene dal Colorado, e fin da quando è nata ha avuto alcuni problemi a sedersi, a gattonare e a stare in piedi da sola. I genitori, Jeff e Tammy, si sono rivolti a diversi medici e fisioterapisti e tutte le volte gli è stato detto semplicemente che la bimba era pigra. Oggi, dopo un anno e due mesi di test, è arrivata la drammatica diagnosi: la piccola è affetta da atrofia muscolare spinale, una malattia che colpisce la parte del sistema nervoso che controlla i movimenti muscolari involontari.

Probabilmente, con l’avanzare dell’età, la bimba non sarà più capace di camminare poiché i suoi muscoli saranno troppo deboli per sorreggerla. Non esistono cure per combattere un disturbo simile ma è stato creato un farmaco innovativo che riduce i sintomi e che rallenta l’indebolimento dei muscoli. L’unico inconveniente è che ha un costo pari a 750.000 dollari, una cifra che la mamma e il papà della piccola non possono permettersi. “Ho capito che qualcosa non andava quando ho visto che non riusciva a raggiungere gli stessi traguardi della sorella. A 11 mesi, ad esempio, non gattonava ancora”, ha spiegato Tammy.

La piccola è bellissima, ha i capelli biondi, un sorriso dolce, è vispa e, fino a qualche tempo fa, sognava di fare ginnastica e danza come la sorellina ma, purtroppo, non è mai riuscita a tenersi in piedi senza il suo girello. La speranza è che Lexi possa avere una vita normale il più a lungo possibile, anche se per lei sarà difficile accettare il fatto che prima o poi non riuscirà più a camminare.