Paul Marciano, il co-fondatore e presidente esecutivo di Guess, ha detto addio al ruolo che ricopre dal 1981. Le dimissioni sono arrivate al termine di un'indagine interna, avvenuta dopo che negli ultimi mesi gli erano state rivolte alcune accuse di comportamento improprio sul posto di lavoro. La prima ad accusarlo di molestie sessuali è stata Kate Upton, che lo ha denunciato attraverso i social, dove non ha usato mezzi termini. Oggi, il consiglio di amministrazione dell'azienda ha stabilito che il nuovo presidente della Maison è il fratello Maurice Marciano, mentre il ruolo di chief creative officer e altre responsabilità passeranno al CEO Victor Herrero entro il 30 gennaio.

Le accuse di Kate Upton

Paul Marciano si è dimesso dal ruolo di presidente esecutivo di Guess dopo essere stato travolto in uno scandalo di molestie sessuali. Lo scorso febbraio, infatti, l'attrice e modella Kate Upton, volto del brand nel 2010 e nel 2011, aveva pubblicato su Twitter un post che ha fatto molto discutere, nel quale aveva scritto:

E' una delusione che un marchio femminile apprezzato come Guess abbia ancora Paul Marciano come suo direttore creativo. Non dovrebbe essergli consentito di usare il suo potere nell’industria per molestare sessualmente ed emotivamente le donne.

A post shared by Kate Upton (@kateupton) on

Da quel momento in poi Paul Marciano è finito al centro delle polemiche e sarebbe stato accusato da altre 4 persone di molestie sessuali. Alla luce di ciò, sempre lo scorso febbraio, l'azienda di cui è co-fondatore ha deciso di sorprenderlo dal ruolo di presidente esecutivo, avviando un'indagine interna sui suoi presunti comportamenti impropri. A condurla, una commissione speciale guidata da due direttori indipendenti, che però ad oggi non è riuscita a stabilire con certezza l’esistenza delle presunte molestie.

A chi passerà il ruolo di Paul Marciano

Secondo un'intervista rilasciata dai portavoce dell'azienda al sito Wwd, il consiglio di amministrazione ha nominato nuovo presidente Maurice Marciano, il fratello di Paul, mentre entro il 30 gennaio prossimo sarà il CEO Victor Herrero a ricoprire il ruolo di chief creative officer. Il marchio Guess, intanto, non è rimasto in silenzio e ha diffuso una nota in cui riporta le dichiarazioni fatte della commissione speciale che ha condotto le indagini sui comportamenti impropri dell'ex presidente. Le parole sono state:

L’indagine ha rinvenuto che in alcune occasioni Marciano ha avuto uno scarso giudizio nelle sue comunicazioni con modelle e fotografi mettendosi in situazioni per cui le accuse di comportamento improprio potevano essere sollevate.

Sempre secondo quanto riportato dalla testata americana, la Maison sarebbe disposta a pagare 500.000 dollari di danni, ovvero circa 425.000 euro, a 5 persone che hanno accusato l'ex presidente di molestie sessuali. Così facendo, la questione dovrebbe essere risolta definitivamente senza essere portata in tribunale, come previsto dall'accordo siglato con le presunte "vittime". Anche se Paul Marciano non avrà più la presidenza della Maison che ha co-fondato, continuerà a essere un membro del consiglio di amministrazione.