5.134 CONDIVISIONI

Muore a 101 anni Katherine Johnson, la donna che con la matematica ha portato l’uomo sulla Luna

È venuta a mancare a 101 anni Katherine Johnson, scienziata e matematica straordinaria che ha messo al servizio dell’umanità il suo amore per i numeri. Dal primo uomo in orbita all’allunaggio, i calcoli di Katherine hanno permesso alla Nasa di raggiungere i successi che tutti noi ancora oggi celebriamo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Beatrice Barbato
5.134 CONDIVISIONI
Immagine

È venuta a mancare oggi all’età di 101 anni Katherine Johnson, la matematica, informatica e fisica statunitense che contribuì a portare l’uomo sulla luna. Nata il 26 agosto del 1918 in una famiglia della Virginia, si rivelò da subito una studiosa attenta e precoce, a 10 anni era già iscritta la liceo, a 15 iniziò il college, a 18 era già laureata in matematica. Dopo aver trascorso parte della sua giovinezza a insegnare, all’età di 34 anni fu assunta dalla NACA, la National Advisory Committee on Aeronautics (poi diventata Nasa) in un team composto da sole donne afro-americane in qualità di “computer umano”, per calcolare le varie traiettorie dei voli. All’epoca, infatti, erano le persone, servendosi di macchine apposite e righelli, a risolvere i problemi matematici.

Lo sbarco sulla luna e i calcoli matematici di Katherine Johnson

La svolta ci fu nei primi anni Sessanta quando gli Stati Uniti decisero di mandare l’uomo laddove nessuno aveva mai provato: iniziò a lavorare prima con Alan Sheperd, primo americano nello spazio, e un anno dopo con John Glenn, primo americano in orbita, fino all’allunaggio del 20 luglio 1969, quando Neil Armstrong della missione Apollo 11, fu il primo uomo a mettere piede sul suolo lunare. Katherine sfruttò la matematica e la geometria, territori nei quali lei si sapeva muovere benissimo, per andare alla scoperta di zone sconosciute. Si servì della geometria per studiare i viaggi spaziali e scoprì i percorsi migliori per orbitare attorno alla Terra e atterrare poi sulla Luna.

Una vita dedicata allo studio e ai numeri

Per trent’anni quel computer umano dalle capacità decisamente superiori, prestò servizio alla Nasa, fino al quando decise di ritirarsi, nel 1986, per dedicarsi alla famiglia e agli amici. Nel 2016 l'allora presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, le conferì la Medal of Freedom, la più alta onorificenza civile americana. La sua storia, insieme e quella di Dorothy Vaughan e Mary Jackson, ha ispirato il film Hidden figures – Il diritto di contare, uscito nelle sale ad agosto 2019, un omaggio alle vite di queste tre grandi donne afroamericane che hanno saputo sfidare i preconcetti e la mentalità maschilista di un’epoca. «Da ragazza, Katherine adorava contare. Ha contato tutto. Avrebbe contato il numero di passi che ha preso sulla strada. Contò i passi in chiesa. Ha anche contato forchette e piatti quando ha lavato i piatti», è così che la descrivono sul sito della Nasa. E chissà che non lo stia già facendo anche ora, contare i passi che la separano da lì alla Terra.

5.134 CONDIVISIONI
Angelina, dall'influenza spagnola al Covid-19: a 101 anni è la donna che ha sconfitto due pandemie
Angelina, dall'influenza spagnola al Covid-19: a 101 anni è la donna che ha sconfitto due pandemie
First Woman, fumetto per le bimbe che sognano lo spazio (in attesa di vedere una donna sulla Luna)
First Woman, fumetto per le bimbe che sognano lo spazio (in attesa di vedere una donna sulla Luna)
Perché le camicie da donna hanno i bottoni a sinistra e quelle da uomo a destra?
Perché le camicie da donna hanno i bottoni a sinistra e quelle da uomo a destra?
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni