Si chiama Swe Zin Htet, ha 21 anni ed è la modella che sta rivoluzionando in modo drastico il mondo dei concorsi di bellezza. Ha dei dolci occhi a mandorla, dei capelli lunghissimi e fluenti, un corpo da capogiro, un sorriso smagliante e qualche mese fa grazie al suo incredibile splendore ha vinto il titolo di Miss Myanmar. Il riconoscimento le ha permesso di partecipare a Miss Universo ma, a differenza di tutte le altre concorrenti, che di solito hanno paura di esporsi troppo di fronte i riflettori per evitare possibili critiche e polemiche, lei ha deciso di fare coming-out, rivelando la sua omosessualità. Ha scoperto di essere attratta dallo stesso sesso quando era adolescente ma solo una volta cresciuta si è sentita libera di parlarne con i genitori.

Oggi è felicemente fidanzata con Gae Gae e, anche se all'inizio ha preferito tenere la relazione nascosta, oggi è felice di poter condividere con tutti la notizia. Si tratta di una scelta importante non solo per la ragazza, diventata la prima aspirante Miss Universo lesbica, ma anche per il suo paese, dove la comunità LGBTQI viene ancora fortemente discriminata. In Myanmar le persone rischiano il carcere quando dichiarano pubblicamente di essere omosessuali, si parte da una condanna minima di 10 anni e si arriva all'ergastolo. Swe ha dunque deciso di portare alla luce una realtà ancora tristemente tanto retrograda, servendosi del noto concorso di bellezza per denunciare i terribili crimini commessi nella sua terra natale. La speranza? Che questa scelta migliori realmente le condizioni di vita di tutte le minoranze di genere in Myanmar.