Miriam Leone è un'indiscussa icona di bellezza, non a caso è diventata famosa dopo aver vinto Miss Italia nel 2008, ma a quanto pare c'è ancora qualcuno che lo mette in dubbio. L'attrice, che da sempre usa i social per documentare i fan sui suoi successi professionali e sui suoi impegni quotidiani, qualche giorno fa ha postato un selfie in cui mette in mostra tutto il suo splendore. Appare in primo piano con un top nero dallo scollo a barca che rivela il décolleté, ha i capelli legati con dei ciuffi che le cadono sul viso e lo sguardo espressivo e sensuale rivolto in camera. Nella didascalia ha scritto: "Di porte socchiuse e vita nuova", sottintendendo forse qualche nuovo progetto alle porte. Nonostante sia impossible rimanere impassibili di fronte tanta bellezza, sono stati diversi gli utenti del web che hanno trovato il modo di criticarla. Si sono scagliati contro le sue sopracciglia folte, paragonandola a Marrabbio di "Kiss Me Licia".

Di porte socchiuse e vita nuova. #love #home #accussì #venerdì

A post shared by miriam leone (@mirimeo) on

Il commento ha fatto sì che la star entrasse tra i trend di Twitter, cosa che ha trasformato le sue sopracciglia in un vero e proprio "caso". Il popolo dei social, però, non ha sostenuto gli haters e non ci ha pensato su due volte a dissociarsi, definendo la Leone una delle donne più attraenti d'Italia. "Per me Miriam Leone può mettere un sacchetto in testa e resta la donna italiana più bella", "Se critichiamo Miriam Leone per l'estetica, chiudiamo tutto. Domani critichiamo Maradona per come giocava a calcio e Eminem per come rappa", "Questa donna è perfetta", sono solo alcune delle regioni che si leggono sui social. Miriam per il momento non è intervenuta per non alimentare le polemiche ma è chiaro che si tratta solo di critiche infondate e senza senso. Quand'è che si smetterà di prendere di mira una donna solo per il suo aspetto fisico? Le sopracciglia dell'ex Miss Italia potranno essere anche folte e marcate ma a quanto pare sono tra i tratti distintivi del suo splendore.