Volete sapere qual è l'accessorio più originale e glamour del momento? La micro bag da portare al collo o a tracolla. E' minuscola, al suo interno ci entra a stento un accendino ma, nonostante sia poco funzionale, sta spopolando tra le star, da Chiara Ferragni alle sorelle Kardashian. E' nata per caso, doveva essere semplicemente un gadget da inviare alle ospiti della sfilata di Jacquemus ma, visto il successo, è stata lanciata sul mercato e in pochissimo tempo ha registrato il sold-out. Ora sono moltissime le Maison e i brand di moda che ne hanno proposto le versioni più svariate.

Chiquito Bag, come è nata l'idea della borsa micro

Le micro bag sono le borsette minuscole poco più grandi di un ciondolo o di un portachiavi che stanno spopolando tra le star. Hanno un valore puramente estetico, a livello funzionale non servono a nulla, visto che sono così piccole che al loro interno ci entra solo un accendino. Possono essere portate al collo o a tracolla, l'importante è che vengano abbinate a dei look trendy, così da aggiungere un tocco ancora più fashion. A lanciare l'idea è stato lo stilista Simon Porte Jacquemus, che ha dato vita alla Chiquita Bag per accompagnare gli inviti alla sua ultima sfilata tenutasi alla Paris Fashion Week. L'accessorio voleva essere un gadget per "coccolare" le invitate ma, dopo aver fatto impazzire le influencer, è stato lanciato sul mercato e in poco tempo ha registrato il tutto esaurito.  che

I prezzi e le dimensioni delle micro bag Jacquemus

La prima Chiquito Bag è stata creata da Jacquemus lo scorso anno in versione "maxi", misura 12×6 cm e viene venduta a 620 euro. Successivamente ne è stata realizzata una variante leggermente più piccola da portare a braccio da 435 euro ma solo la scorsa primavera è stato presentato in passerella il modello "petit" da 8×5 cm. E' più piccola di una carta di credito, riesce a stare in una mano ma, nonostante le sue dimensioni ridotte, costa 215 euro, un prezzo decisamente elevato se si considera che non è affatto funzionale. La cifra, però, non sembra spaventare le fashion addicted: basta andare sul sito ufficiale della Maison per scoprire che le micro bag di ogni colore hanno registrato il sold-out.

Borsette micro, da quelle griffate alle versioni low-cost

Jacquemus non è l'unico marchio ad aver prodotto le tanto amate micro bag, sulla scia del successo dell'originale accessorio molti altri nomi del mondo della moda ne hanno realizzate le versioni più svariate. Fendi ha lanciato la Wallet on Chain, una borsetta simile a un mini portafoglio da portare a tracolla da 560 euro, Simon Miller ha proposto invece la Small Bonsai, un secchiello minuscolo che viene venduto a 390 dollari, ovvero circa 352 euro, mentre Miu Miu ha preferito una sacca in pelle da 490 euro. Anche i marchi low-cost hanno seguito il trend, da H&M che ha messo in vendita un micro marsupio da meno di 20 euro, fino ad arrivare a Zara con le sue miniborse dalla fantasia animalier o con le paillettes, il cui prezzo non va oltre i 50 euro. Certo, quella di Jacquemus rimane la prima e la più piccola ma è chiaro che la moda delle mini bag non è riservata solo a quelle che amano il lusso, ce n'è davvero per tutte le tasche. A questo punto, non resta che scegliere quella che meglio si adegua al proprio stile.

Chiara Ferragni e le star che amano la mini borsa "da collo"

Le star potevano mai rinunciare a un accessorio tanto originale e glamour? Certo che no. Chiara Ferragni è una delle prime ad aver sfoggiato la mini borsa firmata Jacquemus, per la precisione quella in pelle rosa shocking, che ha pensato bene di portare al collo quando è partita per le vacanze estive. Rimanendo senza parole di fronte l'originale accessorio, Fedez l'ha presa in giro chiedendole cosa ci tenesse dentro. La risposta della Ferragni? "Tutta la mia stima per te". A seguire l'esempio della fashion influencer, le sorelle Kardashian, da Kylie Jenner a Kim, che non hanno puntato tutto sulla micro bag per completare i loro look sexy. Insomma, a quanto pare le donne "famose" dei social non possono proprio farne a meno. Nella vita reale le borsette mini riusciranno a spopolare oppure, non potendo contenere nulla, non otterranno seguito?