Trucco semplice, capelli corti e un lungo abito in satin rosa a pois con spacco vertiginoso, un ritorno al passato per Michelle Obama che ha deciso di pubblicare su Instagram uno scatto del 1982. Era il ballo di fine anno del Whitney Young Magnet High School, il liceo pubblico di Chicago, e una giovanissima Michelle salutava i suoi anni passati dietro ai banchi. A offrirle l’opportunità di guardare alla sua adolescenza è stata la #PromChallenge, una sfida che Mtv ha lanciato insieme all’associazione When We All Vote. «Se sei uno studente o un insegnante, partecipa alla #PromChallenge e raccontaci cosa fa la tua scuola per registrare gli studenti al voto», scrive Michelle sotto la sua foto. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i giovani su questo tema, a partire dagli anni di liceo.

L'impegno di Michelle Obama per le giovani studentesse

L’ex first Lady d’America è sempre stata molto attenta a tutto ciò che riguarda l’istruzione e la formazione sin dalla tenera età e numerosi sono stati i progetti da lei sostenuti negli anni della presidenza del marito, Barack Obama, come Let girls Learn, un progetto che aveva sostenuto nel 2015, nato per eliminare gli ostacoli alla scolarizzazione delle giovani donne nei Paesi in via di sviluppo. In un post condiviso sui social, Michelle ha spiegato:

È così facile dare per scontato la nostra istruzione, soprattutto qui negli Stati Uniti. Al momento, oltre 98 milioni di adolescenti in tutto il mondo non vanno a scuola Credo che ogni ragazza sul pianeta meriti lo stesso tipo di opportunità che ho avuto io: un'opportunità che le permetta di realizzare il suo potenziale e perseguire i suoi sogni. Sappiamo che quando diamo alle ragazze la possibilità di imparare, loro la coglieranno. E quando lo fanno, il nostro intero mondo ne trae beneficio. Le ragazze che vanno a scuola hanno figli più sani, salari più alti, tassi di povertà più bassi e possono persino aiutare a rilanciare l'intera economia della loro nazione.

L'importanza di andare a scuola

Dopo il liceo si trasferì all'università di Princeton per diventare avvocato e all'inizio non fu facile: era una giovane donna nera che proveniva da un quartiere popolare di Chicago, circondata per lo più da studenti bianchi e benestanti. Solo con il passare del tempo, dopo aver incontrato persone e colleghi delle più svariate provenienze sociali, cominciò ad acquistare fiducia in se stessa e a trovare il coraggio di far sentire la propria voce. «Andare al college è un duro lavoro, ma ogni giorno incontro persone le cui vite sono state profondamente cambiate dall'educazione, proprio come la mia. Il mio consiglio per gli studenti è di essere coraggiosi», scriveva come didascalia a uno scatto che la ritraeva proprio all’inizio della sua avventura universitaria. Si laureerà in legge e qualche anno dopo, nel 1989 conoscerà l’amore della sua vita, Barack Obama. Il resto, si sa, è storia.