Jess Lewin è una ragazza di 19 anni, viene da Plymouth ed è diventata protagonista di una storia assurda. Qualche tempo fa, è stata colpita da un’improvvisa influenza mentre era a lavoro. Credeva che si trattasse solo di stanchezza e che avesse bisogno solo di qualche giorno di riposo ma, con il passare del tempo, la situazione è peggiorata, tanto che è stata portata d’urgenza in ospedale, dove è stata ricoverata in terapia intensiva.

Dopo aver fatto dei controlli, i medici hanno scoperto che era affetta da una grave infezione al sangue, che le ha causato la stepsi, una malattia pericolosa che si manifesta proprio quando il corpo tenta di reagire a una minaccia e che impedisce alle sostanze nutritive e all'ossigeno di raggiungere gli organi. “Mi sentivo malissimo, ero disidratata, avevo le vertigini e non facevo altro che peggiorare. Credevo che stessi per morire”, ha spiegato Jess. Dopo qualche giorno, addirittura è entrata in coma per una decina di giorni, visto che l’infezione si era diffusa in tutto il corpo, causando danni a polmoni, utero e ovaie.

Ha ha avuto bisogno di due interventi salvavita per sopravvivere e per rimuovere le parti infette. Oggi, non ha una delle ovaie ma, per fortuna, è ancora in vita. "Sono stata davvero fortunata. L'operazione doveva durare un'ora ma per alcune complicazioni si è prolungata, i medici credevano che sarei morta", ha spiegato la ragazza. La fase di recupero è stata lunga e difficile da affrontare ma alla fine ce l’ha fatta. Il consiglio che dà a tutti è quello di non prendere mai sottogamba un problema di salute, neppure una semplice influenza.