Meghan Markle è al centro dell'attenzione dei media internazionali da quando è stata trasmessa in tv l'intervista shock che ha rilasciato a Oprah Winfrey. La Duchessa ha sparato a zero contro la Royal Family, spiegando che a corte non è mai stata protetta e che addirittura è stata vittima di insinuazioni razziste nel momento in cui è rimasta incinta del piccolo Archie. La cosa l'ha portata a soffrire di una forma di depressione così grave da aver desiderato di morire nei momenti più difficili. Il principe Harry non è rimasto indifferente di fronte allo stato di malessere di sua moglie e, oltre ad allontanarsi dai Windsor non appena possibile, si è anche rivolto a una delle persone a cui sua mamma Diana era più legata. Si tratta di Julia Samuel, psicoterapeute e grande amica della compianta principessa.

Julia Samuel, la psicoterapeuta e amica di Lady Diana

Sono passati più di 20 anni da quando Diana ha perso tragicamente la vita in un tunnel di Parigi ma ancora oggi si continua a parlare di lei. L'ultima indiscrezione che la riguarda è quella su Julia Samuel. Oltre a essere stata la sua psicoterapeuta, era anche una sua grande amica. Le due si conobbero nel 1987 quando la principessa cominciò a sentirsi "fuori posto" a corte, si rivolse a lei per avere un supporto psicologico e tra loro il feeling fu immediato. Col passare del tempo, infatti, al di là delle sedute, nacque un legame d'amicizia molto profondo, tanto che non di rado venivano avvistate insieme tra le strade di Londra. Dopo la tragica morte di Lady D., Julia è rimasta in ottimi rapporti con William ed Harry, basti pensare al fatto che è tra le madrine di battesimo di George e che con l'erede al trono è impegnata a seguire un'associazione che si occupa di disturbi mentali dei bambini, la The Child Bereavement Charity.

Oggi Meghan è tornata a essere felice

Sebbene dopo l'intervista shock di Meghan Julia Samuel non abbia né confermato, né smentito l'indiscrezione sulla vicinanza alla Duchessa, sarebbe stata proprio quest'ultima a fare riferimento all'intervento salvifico di "un'amica della madre di mio marito" in una scena tagliata. Fonti vicine alla corona non hanno potuto fare a meno di pensare alla psicoterapeuta di Diana, che sarebbe stata la persona più adeguata per supportare la Markle nella fase più dura, ovvero quella in cui, in piena gravidanza, ha avuto pensieri suicidi. Che si sia servita o meno del suo aiuto, a questo punto, non importa, l'unica cosa che conta è che la moglie di Harry abbia ritrovato la felicità con la sua "nuova vita" americana.