27 Novembre 2013
11:46

Maxi baule di Louis Vuitton nella Piazza Rossa scatena l’ira dei comunisti (FOTO)

Nel pieno centro della Piazza Rossa di Mosca è stato costruito un enorme baule di Louis Vuitton. L’installazione ha scatenato grande ilarità sul web e l’indignazione degli esponenti del Partito Comunista, contrari al “simbolo capitalista” costruito a pochi passi dal mausoleo di Lenin.
A cura di Marco Casola

In questi giorni il centro della Piazzza Rossa di Mosca è sovrastato da un maxi baule griffato Louis Vuitton. L'enorme struttura è stata costruita per ospitare, dal 2 al 19 dicembre, l'esposizione "L'anima del viaggiatore", all'interno della quale saranno messi in mostra i modelli iconici della linea di valigeria Vuitton, molti dei quali utilizzati nell'ultimo secolo da personalità di spicco del cinema e non solo. Il grosso baule monogram, decorato con il tricolore della bandiera russa, lungo 30 metri e alto 9 metri, ha scatenato sul web una serie di commenti ironici ma non solo.

Grosse critiche sono arrivate dagli esponenti del Partito Comunista, indignati per la profanazione "capitalista" di un luogo storico in cui sorge il mausoleo di Lenin, a pochi metri dal quale si trovano le tombe di personalità che hanno fatto la storia del Paese. L'organizzatore della mostra, Mikhail Kusnirovich, titolare del Bosco dei Ciliegi e gestore degli storici magazzini Gum, ha difeso il suo operato spiegando che il ricavato ottenuto con la vendita dei biglietti per l'esposizione verrà interamente devoluto in beneficenza.

Multa di 220 euro per il maxi baule Louis Vuitton a Mosca
Multa di 220 euro per il maxi baule Louis Vuitton a Mosca
Gisele Bundchen consegnerà la Coppa del Mondo in un baule Louis Vuitton
Gisele Bundchen consegnerà la Coppa del Mondo in un baule Louis Vuitton
1.184 di Donna Fanpage
Russia, sfrattata dalla Piazza Rossa mega-valigia Louis Vuitton
Russia, sfrattata dalla Piazza Rossa mega-valigia Louis Vuitton
220 di Donna Fanpage
Ddl Zan, la delusione del mondo della moda. Pierpaolo Piccioli: "Il mio Paese non è quello che applaudiva"
Ddl Zan, la delusione del mondo della moda. Pierpaolo Piccioli: "Il mio Paese non è quello che applaudiva"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni