Matilde Salvalaggio era una bambina di Loreggia, aveva 10 anni e fin dall’anno scorso le è stata diagnosticata una grave forma di tumore al cervello. Dopo il primo intervento chirurgico sembrava che la malattia potesse essere superata facilmente. Il suo corpo ha cominciato infatti a reagire in modo incredibile e, con la sua immensa voglia di vivere, è sempre rimasta positiva. Sua zia Morena racconta infatti:

Tutto risultò semplice, perché era una bambina dal coraggio esemplare che si è sempre fatta carico, con matura responsabilità della sua condizione, ricordando lei stessa alla mamma l'orario di somministrazione delle pillole e gli appuntamenti per le visite oncologiche. Andava a fare la radioterapia cantando in auto con la mamma la canzone dei Passenger "Let her go" ("La lasci andare") senza mai una lacrima, una lamentela, ma solo tanta gioia di vivere e lottare.

Dallo scorso dicembre, però, le sue condizioni di salute sono peggiorate ed è stata ricoverata all'Hospice Pediatrico di Padova, dove è morta ieri mattina. I genitori Gianni e Adriana e la sorella quindicenne Carlotta le sono stati vicini fino all'ultimo momento ed ora non possono che provare vuoto e tristezza. I funerali si svolgeranno mercoledì nella chiesa parrocchiale di Loreggia dove saranno allestiti altoparlanti e megaschermi, che proietteranno video musicali per ricordare la sua felicità e il suo sorriso. Matilde infatti era conosciuta da tutto il suo paese non solo per la sua positività e vitalità, ma anche per essere la figlia di Gianni, contitolare della pizzeria “La Rotonda”.