La masturbazione maschile è la pratica di stimolare le proprie parti intime allo scopo di raggiungere l'orgasmo. Ha inizio nella prima adolescenza, raggiunge il suo massimo sviluppo tra i 16 e i 17 anni e diminuisce in età adulta, anche se tende a proseguire per tutta la vita. Esiste da sempre ed è stata spesso associata ad una serie di luoghi comuni, come ad esempio quello tramandato da intere generazioni, secondo cui masturbarsi conduceva alla cecità. Non tutti gli uomini, però, conoscono ogni dettaglio su una pratica tanto diffusa: ecco cosa bisogna sapere sulla masturbazione maschile.

Quali sono i benefici della masturbazione maschile?

Gli uomini vengono spesso accusati di praticare troppo l’autoerotismo, ma non tutti sanno che non si tratta solo di un modo semplice e rapido per raggiungere l’orgasmo, ma anche di una buona abitudine per la salute. Migliora la qualità dello sperma, riduce il rischio di andare incontro al cancro alla prostata ed aiuta a combattere l’eiaculazione precoce. A dispetto di quanto si potrebbe pensare, si tratta di un vero e proprio bisogno fisico, utile a scaricare le tensioni, a rilassarsi e a conoscere meglio il proprio corpo.

Aiuta a combattere l’eiaculazione precoce?

Sono molti gli uomini che soffrono di eiaculazione precoce e che non riescono a controllarsi nel momento in cui stanno per raggiungere l’orgasmo. La cosa causa non pochi problemi all’interno della coppia poiché nella maggior parte dei casi non si ha il tempo di avere un rapporto sessuale soddisfacente per la propria compagna. La masturbazione aiuta a combattere un disturbo simile. Non di rado, sono i medici stessi a consigliare la tecnica della “masturbazione controllata”, che consiste nel concentrarsi sulle sensazioni erotiche provate mentre si sta raggiungendo il piacere, così da imparare a riconoscere il momento immediatamente precedente all’eiaculazione. La masturbazione permette dunque di conoscere a fondo il proprio corpo e le sue reazioni di fronte alle stimolazioni sessuali.

Come masturbarsi correttamente?

La masturbazione è una pratica importantissima, che ha molte ripercussioni sul corpo e sulla mente, e di conseguenza deve essere praticata nel modo giusto. Innanzitutto, è fondamentale il luogo, che deve essere tranquillo, rilassato, capace di garantire una certa privacy. L’ideale è farlo stesi sul letto, ma anche nella doccia va benissimo. E’ importante poi utilizzare un lubrificante, così da provare delle sensazioni simili a quelle tipiche della penetrazione e da non andare incontro a fastidiose irritazioni.

Per quanto riguarda la tecnica, ognuno ha la sua preferita, basta lasciarsi trascinare dal piacere e procedere con calma.

Cosa succede durante la masturbazione?

Fin dai primissimi momenti in cui ci si sente eccitati, si notano una serie di cambiamenti fisici. Innanzitutto, la respirazione diventa sempre più affannata e veloce e la tensione muscolare cresce, fino ad arrivare al culmine con l’orgasmo. In particolare, il muscolo pubococcigeo, cioè quello che controlla e permette l’eiaculazione, si trova nel suo stato di massima tensione. E’ importante non concentrarsi solo sul pene, ma conoscere anche le altre zone erogene. In molti, ad esempio, provano molto piacere con la stimolazione del punto L, che sarebbe capace di portare a sensazioni incredibili ed intense. Una volta raggiunto l’orgasmo, sarebbe meglio non correre subito in bagno a pulirsi, ma piuttosto godersi un momento di relax ed analizzare il “ritorno alla normalità” del proprio corpo.

Esistono sex toys maschili?

Siamo sempre stati abituati a pensare che i giocattoli erotici fossero prevalentemente solo femminili, ad eccezione delle bambole gonfiabili. La verità è che esistono anche dei masturbati maschili, capaci di far raggiungere un orgasmo intenso. Si tratta di oggetti che riproducono gli organi femminili come vagina, ano e bocca e che aiutano a rendere la masturbazione qualcosa di estremamente simile alla penetrazione vera e propria.

Migliora la vita di coppia?

Molto spesso si arriva a credere che la masturbazione possa sostituire la vita di coppia, in realtà si tratta di due attività che non si escludono l’una con l’altra. L’autoerotismo, grazie ai suoi incredibili benefici, riesce a migliorare la performance sessuale e dunque anche la vita di coppia. L’uomo dura molto di più a letto e riesce a dare maggiore piacere alla sua partner quando non disdegna l’autoerotismo nella vita privata. Come se non bastasse, con la masturbazione un uomo impara a conoscere il suo corpo e le pratiche che più lo eccitano. In questo modo, sarà capace di comunicare le sue esigenze alla partner, così da rendere il rapporto vero e proprio più soddisfacente. La masturbazione maschile non dovrebbe essere dunque “condannata” dalle donne: è il rimedio ideale per rendere più intensa l’attività sessuale all’interno della coppia.