La Fase 2 è entrata nel vivo e, dopo aver passato gli ultimi due mesi chiusi in casa per ridurre il numero dei contagi, è arrivato il momento di ripartire, naturalmente rispettando una serie di rigide misure di sicurezza. L'uso della mascherina è obbligatorio per proteggere sia se stessi che gli altri ma c'è un piccolo inconveniente che solo in pochi avevano considerato: in molti casi portarla a lungo causa dei fastidiosi problemi alla pelle come rossore, bruciore, prurito e irritazioni. Si parla infatti di maskne, ovvero di acne da mascherina, dovuto alla limitata ossigenazione e traspirazione delle zone coperte del viso. Dato che, però, in questo periodo non si può fare a meno di coprire naso e bocca con un dispositivo di sicurezza, sarebbe bene prendere una serie di piccole precauzioni per ridurre al minimo la comparsa di antiestetici brufoli.

Cos'è il "maskne"

Il maskne, parola ottenuta dalla fusione di "mask" e "acne", è una forma di acne non eccessivamente aggressiva che compare sulla pelle del viso in corrispondenza della zona coperta dalla mascherina. Quest'ultima è diventata obbligatoria in tempi di Coronavirus e quindi sono molte le persone che si ritrovano a doverla indossare per intere giornate. Una volta tolta, però, si potrebbero avere delle brutte sorprese, dal rossore alle irritazioni, fino ad arrivare alla comparsa di brufoli. Gli sfoghi cutanei sono dovuti sia allo stress elevato che si prova in questo periodo, sia alla limitata ossigenazione e traspirazione di quella parte del viso che, coperta dalla mascherina, tende a sudare con facilità, ostruendo i pori, facendo aumentare la produzione di sebo e la comparsa di punti neri e brufoli su labbra, mento e naso.

Come prevenire l'acne da mascherina

La mascherina è obbligatoria ed è necessario indossarla sempre quando si è in luoghi pubblici. Per evitare di andare incontro a problemi di acne o a irritazioni è necessario seguire una serie di piccoli accorgimenti. Innanzitutto è fondamentale lavare il viso sia prima che dopo aver usato la mascherina, così da rimuovere germi e batteri che potrebbero favorire la comparsa di allergie o infezioni, continuando a lavarsi le mani e a non toccarsi il viso per il resto della giornata. Sarebbe bene, inoltre, applicare un detergente prima di indossare la mascherina per impedire ai batteri intrappolati di irritare il viso. A fine giornata si può poi passare a una detenzione più accurata della pelle, in maniera tale da eliminare i batteri cattivi.