la perla manichini
in foto: I manichini nella boutique La Perla di Soho a New York

Il marchio di lingerie di lusso La Perla è finito nell'occhio del ciclone. A creare una serie di polemiche alcuni manichini, giudicati eccessivamente magri, esposti nelle vetrine di una delle boutique di punta del marchio, quella di Soho a New York. Dopo i manichini oversize esposti in Svezia arrivano dunque a New York le vetrine con corpi di plastica troppo slim. La polemica è nata dopo che Michael Rudoy ha pubblicato su Twitter lo scatto in cui viene mostrato un manichino della boutique newyorchese con un busto magro da cui addirittura si intravedono le costole.

La fotografia ha fatto il giro del web rimbalzando su tutti i social network. Molti si sono chiesti se fosse davvero necessario posizionare in vetrina un corpo del genere, tanti ritengono che la scelta del brand sia eccessiva. Il marchio è stato accusato di veicolare un ideale femminile sbagliato, tra le critiche più feroci quella di Seth Matlins dell'associazione Truth In Advertising, che da anni boicotta le campagne pubblicitarie in cui sono presenti messaggi sbagliati o ingannevoli. Subito dopo la diffusione della fotografia l'azienda ha fatto le sue scuse agli utenti e il social media manager di La Perla ha comunicato che dopo le segnalazioni i manichini in questione sono stati immediatamente ritirati dalle vetrine della boutique e non verrano più utilizzati manichini simili in nessun altro store del marchio.