Vi mangiate le unghie o avete dei comportamenti ripetitivi quando siete sotto stress? E’ perché siete dei perfezionisti. Una ricerca condotta presso l'Università di Montreal e pubblicata sul Journal of Behaviour Therapy and Experimental Psychiatry ha dimostrato che questi atteggiamenti non sono legati ai propri nervi, ma sono il segno che ci si vuole impegnare attivamente in qualcosa.

Sono state analizzate le reazioni di 48 persone sottoposte a diverse situazioni, una di stress, una di relax, una di frustrazione ed un’altra ancora di noia. I risultati sono stati evidenti. Quando i partecipanti erano annoiati o frustrati, cominciavano a mangiarsi le unghie. Questa cattiva abitudine non è dunque legata all’ansia, ma semplicemente alla nulla facenza. Il professor Kieron O'Connor, che ha commissionato lo studio, ha dichiarato: “Le persone con questi comportamenti non sono in grado di rilassarsi. Sono frustrati, impazienti ed insoddisfatti, soprattutto quando non raggiungono i loro obiettivi”.

Il motivo per cui ci si mangia le unghie è semplice, si tratta di soddisfare un bisogno mentale e di auto-fornirsi una qualche forma di ricompensa in una situazione frustrante o noiosa. Gli individui con dei comportamenti ripetitivi hanno dunque una maggiore voglia di impegnarsi in qualcosa ed è proprio per questo che tendono ad essere dei perfezionisti. “La loro condizione non è semplicemente causata da abitudini nervose. I risultati suggeriscono che per non farlo più dovrebbero ridurre il loro livello di frustrazione e di noia”, ha dichiarato Sarah Roberts, una delle autrici dello studio.