Come durante le precedenti sfilate d'Alta Moda, anche in questo fashion show di Maison Martin Margiela le donne in passerella non hanno un volto. Le modelle sfilano con copricapo che arrivano in alcuni casi sino al collo, decorati con ricami, fiori colorati o con placche in bianco e nero. Le collezioni di Margiela sono sempre una provocazione, quella presentata a Parigi appare come la più estrema. Gli abiti Haute Couture divengono un "luogo" in cui è possibile sperimentare, creare qualcosa di impensabile e inconsueto.

La distruzione dell'Alta Moda – Lo spettatore resta affascinato dai modelli che uno dopo l'altro "distruggono" le regole dell'Alta Moda. Al posto di pizzi e merletti sfilano capi in lattice che sembra seta, invece di una fila di sensuali abiti da sera salgono sul catwalk jeans abbinati a stivaloni. L'alta sartoria non manca e diviene protagonista su long dress con decori di perline, su abiti con enormi foglie che ricoprono lo scollo o su vestiti kimono con baveri tuxedo. Gli stili si mescolano, ispirazioni così distanti si uniscono e divengono tutt'uno all'interno di una collezione che può piacere o no ma che di certo non lascia indifferenti. Questo da sempre è l'obbiettivo di Maison Martin Margiela.