Gli orecchini sono tra gli accessori più amati al mondo dal sesso femminile e ne vengono prodotti ormai di ogni tipo e modello, dai cerchi di varie dimensioni a quelli pendenti, fino ad arrivare a quelli ad orecchio più o meno appariscenti, ma in pochi si sono chiesti come fossero quelli indossati dalle popolazioni antiche. Finalmente la loro curiosità potrà essere soddisfatta, visto che è stato ritrovato un orecchino risalente a più di 2.000 anni fa in un sito archeologico di Gerusalemme, considerato il più antico della storia.

Gli orecchini venivano indossati ai tempi dei greci

Sapevate che gli orecchini venivano indossati anche dalle popolazioni antiche che hanno vissuto prima della nascita di Cristo? A dimostrarlo è stato un reperto ritrovato a Gerusalemme, per la precisione nel Parco Nazionale che si trova nei pressi delle mura della città vecchia, dove gli archeologi dell'Università di Tel Aviv hanno allestito un sito archeologico di scavi. Dopo aver scavato per circa 200 metri, hanno infatti ritrovato un accessorio risalente a 2.200 anni fa, dunque all'epoca ellenistica, a sud del Monte del Tempio, che oggi ospita la moschea musulmana nota come il Nobile Santuario. Si tratta di un cerchio in filigrana lungo circa 4 cm, adornato con il viso di un animale con le corna, probabilmente un'antilope o un cervo. E' la prima volta che viene scovato un gioiello così tanto antico e secondo gli esperti apparteneva a qualche uomo o qualche donna facoltosa del periodo dell'impero di Alessandro Magno. Insomma, a quanto pare gli orecchini hanno origini antichissime e, nonostante siano passati oltre 2.000 anni dalla prima volta in cui sono stati indossati, ancora oggi sono tra gli accessori più amati al mondo.