Chi non ricorda le Spice Girls, la prima girlband della storia che ha spopolato negli anni '90? Sono passati 22 anni dal lancio di "Wannabe", il video che ha segnato il loro debutto, ma quelle 5 famosissime ragazze britanniche ancora oggi sono richieste in tutto il mondo e ogni volta che annunciano una possibile reunion fanno sognare milioni di fan. A renderle tanto amate hanno contribuito i loro look fatti di scarpe con la zeppa, top crop, tubini fascianti e altri accessori tipici di quegli anni che sono tornati di gran moda negli ultimi tempi. Tutti coloro che hanno sempre perso la testa per Victoria Beckham & Co. saranno lieti di sapere che a partire dal 28 luglio a Londra verrà inaugurata una mostra in loro onore con tanto di outfit che hanno fatto storia.

SpiceUp: la mostra londinese che celebra le Spice Girls

E' inutile negarlo, le Spice Girls non sono state solo una delle band pop più famose al mondo, hanno fatto anche storia in fatto di femminismo, lasciando una profonda impronta sulla cultura popolare. Al motto di "Girl Power" sono state capaci di dimostrare che le donne hanno un incredibile talento e che possono arrivare dove vogliono anche senza un uomo al loro fianco. E' proprio per celebrare ancora una volta il successo di quelle 5 ragazze britanniche che Alan Smith-Allison, fan delle Spice Girls e collezionista, ha allestito la mostra chiamata SpiceUp, che verrà inaugurata il 28 luglio a Londra, per la precisione al Business Design Centre, per poi passare al Manchester Central dal 24 agosto al 4 settembre. Verranno esposti tutti gli oggetti appartenuti alla band, compresi alcuni costumi indossati sul palco forniti dagli stilisti in persona, per un totale di 7.000 articoli di merchandising e 300 capi di abbigliamento e calzature. Le famose Buffalo con la zeppa, gli slip dress, i crop top, i pantaloni della tuta acetati, sono solo alcuni degli abiti esuberanti, irriverenti e tipicamente anni '90 che hanno reso le Spice Girls delle vere e proprie icone di stile.

Spice Girls, ancora oggi icone di stile

"Le Spice Girls  dicevano è ok essere se stessi, accogli e fai vedere la tua parte più stravagante. È stata una cosa che ho sentito mia, quando avevo 15 anni e mi sentivo un po’ perso", ha spiegato il curatore della mostra. Anche i loro look erano costruiti a tavolino per piacere a un pubblico ampio e variegato, riuscivano ad aggiungere sempre un tocco personale. All'inizio il loro armadio era fatto da capi che potevano facilmente imitati e trovati in mercatini o negozi del centro, in maniera tale da dare alle ragazze la possibilità di vestirsi come le proprie eroine, con il passare del tempo sono passate a capi su misura firmati da Julien MacDonald, Paul Smith e Roberto Cavalli, tutti stilisti che sono stati capaci di mantenere invariato il loro senso di individualità. Insomma, le Spice Girls hanno aperto la strada a una generazione di donne che non hanno paura di indossare ciò che vogliono, spesso distinguendosi dalla "massa", ed è proprio questa loro personalità forte e determinata ad averle rese leggendarie.