Lei è una delle giovani bag designer più cool del momento, star e celebrities stravedono per le sue particolari creazioni. Paula Cademartori ha origini italo-brasiliane, si è fatta le ossa in grandi maison come Versace e dal 2010 ha creato il brand che porta il suo nome, lanciando nella primavera del 2011 la prima collezione di borse. Gli originali modelli di Paula oggi sono in vendita nei concept store e nelle boutique più importanti del mondo, la giovane designer è riuscita ad imporsi nel fashion system con il suo talento e con la sua visione innovativa, proponendo accessori dal design ricercato ed anticonvenzionale.

Durante la Fashion Week milanese abbiamo avuto l'occasione di visionare la nuova collezione P/E 2014 e di intervistare la la giovane designer. Paula racconta ai nostri microfoni l'ispirazione per la nuova collection: l'eclettica personalità di Peggy Guggenheim, appassionata collezionista e talent-scout, è il punto di partenza dal quale è nata l'idea per creare le borse primaverili. Forme e dettagli sono esaltati da nuovi accenti che includono lavorazioni artigianali iper-leggere e lussuose, cut-outs di motivi geometrici, decorazioni di borchie multicolor e preziosi scintillii di pavè di cristalli, accanto alla fibbia iconica declinata nella versione metallica, smaltata o in plexiglass.

Tra i modelli più particolari della nuova collection spiccano quelli in nappa, con affascinanti giochi grafici dalle forme geometriche realizzati con il laser su tutta la superficie dell'accessorio. Splendidi gli accostamenti di colore sui modelli in color-block e il mood Safari delle bags in paglia intrecciata con dettagli in cavallino animalier. Hanno un mood estremamente glamour, invece, i modelli Crystal rain, in nappa metallizzata, decorati con lucenti cristalli. Infine la collezione Cirque, resa unica da inserti monocolore con profili a contrasto e da originali borchie multicolor in plexiglass che enfatizzano il gioco di mix materici e cromatici della stagione primaverile.

Il successo di Paula dimostra che c'è ancora spazio per l'innovazione, che il mondo della moda ha bisogno di una ventata d'aria fresca, di giovani talenti che, con le loro idee, possano dare nuova linfa vitale ad un fashion system spesso troppo legato alle logiche di mercato e poco attento al vero talento.