Le donne sognano di essere sempre perfette e impeccabili ma a volte si trovano alle prese con dei difetti fisici che non si possono eliminare se non con l'intervento del chirurgo. Anche se si tratta di un provvedimento estremo, negli ultimi tempi sono sempre di più quelle che si sottopongono a dei ritocchini per avere l'aspetto che hanno sempre desiderato. Secondo dei recenti studi, infatti, praticamente la metà delle italiane accetta di finire sotto i ferri solo per correggere un'imperfezione, a dimostrazione del fatto che sta crescendo l'ossessione femminile per la bellezza.

Il 47,9% delle italiane si è sottoposto a chirurgia plastica

Secondo un sondaggio condotto da Eurispes, un ente italiano che si occupa di studi politici, economici e sociali, le donne che si sono sottoposte a interventi per migliorare il proprio aspetto estetico sono quasi la metà dell'intera popolazione femminile del nostro paese. Per la precisione il 47,9% delle rappresentanti del gentil sesso ha richiesto un ritocchino al chirurgo. La cosa particolare è che quasi tutte lo hanno fatto per la prima volta prima tra i 18 e i 24 anni, cioè poco dopo aver raggiunto la maggiore età. Sarebbero soprattutto le donne del Nord Italia, le divorziate e le laureate a non poter fare a meno del bisturi, mentre quelle del Sud nel 95,2% dei casi preferiscono rimanere naturali. Il motivo per cui decidono di affrontare l'intervento? Si sentono insoddisfatte del loro aspetto, vogliono correggere un difetto oppure ridurre i segni dell'età. Solo il 21,3% si è sottoposto a un'operazione di chirurgia plastica in seguito a un incidente o a una malattia. Insomma, a quanto pare i ritocchini estetici vengono considerati delle opportunità per cambiare radicalmente vita: un naso "nuovo", una liposuzione o un semplice peeling riescono davvero a rendere l'esistenza migliore?