Si dice che l'amore sia cieco ma a volte le scelte che si fanno lasciano davvero a desiderare. Le donne, in particolare, si fidanzano spesso con degli uomini che non sono alla loro "altezza" ma, a dispetto di quanto si potrebbe pensare, non si tratta di una questione economica o di convenienza. A tutte sarà capitato almeno una volta di sentirsi attratta da qualcuno meno bello di lei ma la verità è che si tratta della scelta ideale quando si va alla ricerca della felicità e a rivelarlo è la scienza.

Perché le donne preferiscono gli uomini "brutti"?

Secondo uno studio condotto presso l'Università dello Stato della Florida, le donne che stanno con un uomo meno attraente di loro sono più felici rispetto a quelle che hanno al loro fianco un fidanzato meraviglioso senza neppure un difetto estetico. Il motivo per cui accade una cosa simile è molto semplice: quando le rappresentanti del sesso femminile si sentono più brutte del partner sono anche insoddisfatte del loro corpo. Inevitabilmente, cominciano a seguire diete e regimi alimentari estremi solo per inseguire degli ideali di bellezza spesso irraggiungibili. La cosa non fa altro che influire negativamente sulla propria serenità, favorendo l'insorgere di insoddisfazione e malumore. Insomma, nella coppia si verrebbe a creare una sorta di "sfida di bellezza" che però ha come unica conseguenza l'infelicità del meno attraente. Il segreto per essere contente e gratificate nella vita è dunque scegliere di fidanzarsi con un uomo "bruttino": solo in questo modo ci si sentirà sempre a proprio agio al suo fianco.