Avere un corpo da urlo ed essere in perfetta forma non fa bene solo alla salute ma anche alla propria carriera professionale. Secondo uno studio condotto presso l’University of Alabama di Birmingham, il peso corporeo sarebbe fondamentale per ottenere il lavoro dei sogni o una promozione. In particolare, è stato fatto un test in cui il viso di una donna è stato modificato con una simulazione e i risultati sono stati chiari: quando era più grassa veniva percepita come meno qualificata dai datori di lavoro, cosa che invece non accadeva quando era magra.

Certo, si tratta solo di un pregiudizio ma è chiaro che un dettaglio simile è capace di incidere negativamente sui propri successi professionali, rendendo impossibile un potenziale avanzamento di carriera. Questa "discriminazione" vale anche per gli uomini, con l'unica differenza che un maschio comincia ad avere le stesse difficoltà femminili solo quando il suo aspetto è decisamente obeso e malsano. Le persone che registrano maggiormente questi problemi sono quelle che hanno contatti con i clienti per lavoro come commesse, hostess, cameriere, visto che per loro l'estetica è fondamentale.

I risultati di questa ricerca sono un tantino inquietanti poiché rivelano l'inesistenza della parità di genere sul luogo di lavoro. A quanto pare, per essere assunte con maggiore facilità bisogna essere magre o comunque sottoporsi a una dieta rigorosissima prima di prendere parte a un colloquio. Quello che viene da chiedersi è: quanto il peso è capace realmente di influenzare la propria professionalità?