Si chiama Laura Mesi, ha 40 anni, viene da Lissone, in provincia di Monza e Brianza, e nella vita fa l'istruttrice di fitness. Nelle ultime ore è finita al centro delle attenzioni dei media per il suo matrimonio fuori dal comune. Il motivo? Anche se la cerimonia è stata organizzata nei minimi dettagli, dall'abito bianco alle bomboniere, fino ad arrivare al taglio della torta al lancio del bouquet, mancava il dettaglio più importante di ogni ricevimento di nozze, lo sposo.

Laura è la prima sposa single d'Italia

Laura è infatti la prima sposa single d'Italia, è convolata a nozze da sola, così da dimostrare di amare profondamente se stessa. "Qualche mese fa l'ha fatto anche un uomo di Napoli ma a me l'idea era già venuta due anni fa. Avevo detto a parenti e amici che se entro il quarantesimo compleanno non avessi trovato la mia anima gemella mi sarei sposata da sola", ha spiegato la donna. E' convinta del fatto che ogni persona può vivere una fiaba anche senza il principe azzurro e non bisogna avere paura di rimanere single. Certo, se un giorno troverà l'anima gemella, non si rifiuterà di passare la vita al suo fianco ma per il momento sa bene che la felicità non dipende da lui.

Ha organizzato la cerimonia da sola

E' stata lei stessa a organizzare il ricevimento dei suoi sogni, arrivando a spendere ben 10.000 euro. Si è concessa l'abito bianco che aveva sempre desiderato, un viaggio di nozze a Marsa Alam e anche le fedi, che sono due anelli intrecciati. A sposarla è stato un amico che per l'occasione ha indossato una fascia tricolore e, anche se la cerimonia non ha avuto alcun valore legale o religioso, ha  provato delle emozioni uniche. La promessa che ha fatto? Amarsi per tutta la vita e accogliere i figli che la natura vorrà donarle.