La nascita di un bambino è un momento molto importante per entrambi i genitori ed è proprio per condividere con le neomamme l’esperienza del parto che molti papà decidono di assistere a tutto il  travaglio. Una ricerca condotta presso il King's College di Londra ha però dimostrato che sarebbe meglio se gli uomini non assistessero al parto e ritornassero ad attendere pazientemente la nascita del figlio tra i corridoi dell’ospedale.

Prima di tutto, i papà non hanno alcuna utilità in quel momento; inoltre, la loro presenza renderebbe addirittura più forti i dolori delle doglie a causa dello stress provocato dal fatto che le donne non possono urlare e contorcersi senza essere guardate dal partner. I futuri papà quindi non sarebbero capaci di dare sostegno psicologico o conforto alle partorienti, che anzi si sentirebbero imbarazzate per il loro aspetto, soprattutto quando il rapporto non è solido e consolidato. Nonostante ciò, in Italia oltre il 90% degli uomini decide di assistere alla nascita del bambino e nella maggior parte dei casi non si pente della scelta fatta.

Sarebbero in moltissimi infatti quelli che la definiscono l’esperienza più bella e forte della propria vita, durante la quale la tensione si trasforma in gioia immensa non appena si sente il neonato piangere. Se da un lato i papà risultano essere estasiati dal parto, dall’altro si dovrebbe chiedere alle neomamme quanto siano realmente contente di essere guardate mentre si trovano in preda al dolore più estremo. I britannici, intanto, dicono assolutamente no ai papà in sala parto, chissà se la stessa scelta verrà presto consigliata anche in Italia.